Me
La legge elettorale che vuole mettere tutti d’accordo
Condividi su:

La legge elettorale che vuole mettere tutti d’accordo

Il sito internet Youtrend ha deciso di proporre una legge elettorale per superare l'attuale stallo

19 Apr. 2017

Dopo la decisione della Consulta di apportare diverse modifiche all’Italicum, il nostro paese si trova adesso con due diverse leggi elettorali per Camera e Senato che difficilmente possono garantire una maggioranza. Se infatti la legge per Montecitorio garantisce un premio di maggioranza per chi riuscisse a raggiungere il 40 per cento dei consensi, al Palazzo Madama vige una forma di proporzionale puro che non permette di raggiungere la maggioranza dei seggi a chi non si dovesse riuscire quanto meno ad avvicinarsi al 50 per cento.

Una situazione da cui sembra molto difficile uscire per la politica, che negli ultimi anni ha mostrato che se c’è una materia su cui le diverse forze proprio non riescono a trovare la quadra, questa è la legge elettorale.

Proprio per superare questo stallo, non un partito, ma il sito di studi politico-elettorali Youtrend, ha deciso di lanciare una propria proposta.

La legge elettorale proposta da Youtrend non ha al momento un nome come il Mattarellum o l’Italicum, anche se potremmo chiamarla Magnum, dal nome di chi l’ha formalmente stilata, il 29enne avvocato romano Francesco Magni.

Questa legge punta a superare numerosi ostacoli che fino a oggi hanno affossato numerosi tentativi di approvazione di nuove leggi elettorali. Primo tra tutti, non può esistere l’alibi che questa aiuterebbe chi l’ha proposta, dal momento che a presentarla non è stata una formazione politica ma un sito.

Andando poi nei contenuti, vediamo come tale legge venga effettivamente incontro a numerose necessità politiche: metà dei 618 seggi (12 sono per costituzione assegnati agli italiani all’estero) sono infatti assegnati con collegi uninominali, gli altri 309 con un proporzionale con sbarramento al 3 per cento, facilmente raggiungibile da numerosi partiti. In questo modo si punta a premiare il radicamento nei singoli territori ma, al tempo stesso, il consenso diffuso a livello nazionale dei partiti.

Si tratta in poche parole di ciò he già succedeva nel Mattarellum, la legge elettorale in vigore nelle elezioni politiche del 1994, 1996 e 2001 e che a fine 2016 è stata nuovamente proposta dal segretario del Partito Democratico Matteo Renzi, ma con una parte proporzionale decisamente più consistente.

LEGGI ANCHE: Cos’è il Mattarellum

Andando poi più nel dettaglio, la parte proporzionale vede anche uno sbarramento leggermente più basso – che rende il parlamento dunque più accessibile ai partiti più piccoli – e la possibilità di dare due preferenze, venendo incontro dunque anche ai sostenitori di questo strumento di rappresentanza. Oltre a questo, non è presente lo scorporo, probabilmente il meccanismo più criticato del Mattarellum e reso di fatto inconsistente dall’utilizzo delle liste civetta Paese Nuovo e Abolizione Scorporo nel 2001.

Per poter votare diversi candidati tra quota proporzionale e quota maggioritaria non saranno presenti schede diverse, ma ce ne sarà un’unica, in tutto e per tutto simile a quella che si usa per le comunali nei comuni con oltre 15mila abitanti ma diversa collegio per collegio, in cui ciascuno potrà scegliere il proprio partito da votare al proporzionale e il proprio candidato uninominale. Qualora indicasse solo il partito proporzionale, il voto andrà automaticamente anche al candidato uninominale collegato, qualora volesse votare un candidato diverso da quello collegato alla lista proporzionale, potrà comunque sceglierlo attraverso un voto disgiunto.

Una simulazione di quella che sarebbe la scheda elettorale del Magnum. I nomi inseriti sono quelli degli ospiti dell’iniziativa di presentazione e di collaboratori di Youtrend che si sono prestati alla simulazione:

Il 19 aprile Youtrend ha ufficialmente presentato la sua proposta di legge elettorale alla Camera dei Deputati, alla presenza di alcuni suoi rappresentanti, dell’autore della legge elettorale Magni, del senatore del Movimento IDEA Gaetano Quagliariello e del suo collega del PD Stefano Ceccanti. Ora che la proposta è alla portata di tutti, la nuova battaglia di Youtrend sarà quella di trovare rappresentanti in parlamento che si facciano carico della proposta e cerchino i numeri per poterla far diventare la nuova legge elettorale italiana.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus