Me

Entra in vigore in Italia l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza del latte

Il decreto del governo arriva il 19 aprile in attuazione del regolamento dell'Unione europea del 2011

Immagine di copertina

Dal 19 aprile diventa obbligatorio indicare in etichetta la provenienza di latte, formaggi, yogurt e latticini in generale. Il decreto che lo stabilisce si chiama “Indicazione dell’origine in etichetta della materia prima per il latte e i prodotti lattieri caseari” ed è stato firmato dai ministri delle Politiche Agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo Economico Carlo Calenda.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La legge arriva in attuazione del regolamento dell’Unione europea del 2011 e aiuterà a riconoscere soprattutto i prodotti confezionati e distribuiti in Italia, ma fino a questo momento realizzati a partire da latte arrivato dall’estero. Il consumatore potrà vedere quindi sull’imballaggio sia il paese in cui il prodotto è stato lavorato, sia quello in cui il latte è stato munto.

Il decreto troverà applicazione in Italia per il latte vaccino, ovino, caprino e bufalino. Secondo un’analisi condotta da Coldiretti tre buste di latte a lunga conservazione su quattro contengono prodotto straniero. Roberto Moncalvo, presidente dell’associazione degli agricoltori, sottolinea: “Si tratta di un importante segnale di cambiamento anche a livello comunitario dove occorre proseguire nella l’impegno per la trasparenza”.

Dello stesso avviso anche il ministro Martina che aggiunge: “Stiamo lavorando per estendere l’obbligo di indicare l’origine anche ad altre filiere a partire da grano, pasta e riso”. 

Il provvedimento prevede un periodo di 180 giorni nel quale sarà possibile smaltire le scorte non ancora etichettate nella maniera corretta. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata