Me

Il ministero della Salute ha vietato i selfie in sala operatoria

Il dicastero ha inviato una nota alla federazione nazionale degli Ordini dei medici e al collegio degli infermieri, delle ostetriche e dei tecnici imponendo lo stop

Immagine di copertina

Il ministero della Salute è intervenuto in maniera netta sulla moda dei selfie in sala operatoria e nei luoghi di cura. Moda diffusa ormai da diversi mesi in molte strutture sanitarie, specialmente al sud Italia: stop agli autoscatti in tutti i luoghi adibiti alla medicina e alla cura del paziente.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Di fronte al crescente numero di fotografie e selfie scattati all’interno di sale operatorie e luoghi di cura, la direzione generale del dicastero ha inviato una nota alla federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo) e al collegio degli infermieri e ai rappresentanti di ostetriche e tecnici radiologi, imponendo lo stop alla moda dell’autoscatto nelle strutture ospedaliere, perché “offendono i malati e compromettono l’immagine degli stessi sanitari”, si legge nella nota.

Ai rappresentanti dei lavoratori viene chiesto, con un richiamo all’etica professionale, di “scongiurare o, quanto meno, arginare il verificarsi di tali fatti, affinché non si ripetano in futuro comportamenti come quelli segnalati dal ministero”.

Nella nota si ricorda anche che “quello sanitario è un ‘ambito delicato’, in cui simili comportamenti offendono i malati e compromettono l’immagine degli stessi sanitari”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata