Me

Il giornalista italiano bloccato in Turchia è pronto a iniziare uno sciopero della fame

Nella sua prima telefonata in Italia dal momento del fermo, Gabriele Del Grande ha fatto sapere che sta bene e ha invitato tutti a mobilitarsi per lui

Immagine di copertina

Gabriele Del Grande, il giornalista italiano fermato in Turchia durante un controllo dalle autorità al confine con la Siria e trattenuto da alcuni giorni in un centro di detenzione amministrativa, è riuscito a chiamare in Italia dal telefono del centro in cui è rinchiuso e ha assicurato di stare bene. Lo riporta l’agenzia di stampa Ansa.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“Sto bene, non mi è stato torto un capello ma non posso telefonare, hanno sequestrato il mio cellulare e le mie cose, sebbene non mi venga contestato nessun reato”, ha detto parlando con la compagna e con alcuni amici telefonicamente. 

Del Grande ha sottolineato di essere circondato da quattro poliziotti e ha annunciato che “da stasera” darà “inizio a uno sciopero della fame”. “Invito tutti a mobilitarsi per chiedere che vengano rispettati i miei diritti”, ha detto ancora.

“I miei documenti sono in regola, ma non mi è permesso nominare un avvocato, né mi è dato sapere quando finirà questo fermo”. Secondo il giornalista italiano, la ragione del fermo è “legata al contenuto del lavoro”, sul quale ha “subito interrogatori”. Del Grande ha sottolineato di aver potuto effettuare una chiamata solo “dopo giorni di protesta”.

“Non mi è stato detto che le autorità italiane volevano mettersi in contatto con me”, ha aggiunto Del Grande nella telefonata avvenuta intorno alle 14.30. 

Come confermato dalla compagna e dai suoi amici si tratta della “prima telefonata da domenica 9 aprile”, quando è avvenuto il fermo. Il giornalista si trovava in Turchia dal 7 aprile.

“Mi hanno fermato al confine, e dopo avermi tenuto nel centro di identificazione e di espulsione di Hatay, sono stato trasferito a Mugla, sempre in un centro di identificazione ed espulsione, in isolamento”, ha raccontato ancora Del Grande. 

— LEGGI ANCHE: Il documentarista Gabriele Del Grande è ancora bloccato in Turchia dopo il fermo

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata