Me

La Corea del Nord si è detta pronta a usare armi nucleari

L'annuncio è arrivato in giorni in cui la tensione nella penisola coreana si sta alzando notevolmente

Immagine di copertina

La Corea del Nord ha messo in guardia gli Stati Uniti, invitandoli a non effettuare azioni provocatorie nella regione e dicendo di essere pronti a usare le proprie armi nucleari. La notizia è giunta in occasione delle celebrazioni per i 105 anni dalla nascita di Kim-Il-Sung, fondatore della Corea del Nord nonché nonno dell’attuale leader nordcoreano Kim-Jong-un.

Per l’occasione, si è svolta una grande parata nelle strade della capitale nordcoreana Pyongyang, in cui sono stati fatti sfilare alcuni missili che sembrano a tutti gli effetti essere testate nucleari di raggio intercontinentale. Diversi media in questi giorni hanno reso noto che nelle prossime settimane il governo nordcoreano potrebbe svolgere un nuovo test nucleare.

Choc-Ryong-hae, ritenuto uno dei principali esponenti nordcoreani dopo Kim-Jong-un, ha dichiarato che il paese è pronto a rispondere a una guerra a tutto campo con una guerra a tutto campo. “Siamo pronti a rispondere con attacchi nucleari ad attacchi nucleari”, ha dichiarato.

Questi dichiarazioni arrivano nei giorni successivi a un aumento della tensione nella regione, con l’invio da parte degli Stati Uniti nell’area della penisola coreana della portaerei Vinson con il suo gruppo di battaglia e le dichiarazioni del segretario di stato Rex Tillerson che si è detto pronto a un “preemptive attack”, ovvero un attacco preventivo a fronte di una possibile minaccia, nei confronti della Corea del Nord.

Il 16 aprile, inoltre, il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, sarà in Corea del Sud nel corso di un viaggio diplomatico di dieci giorni in Asia.