Per il ministero della Difesa afghano la Madre di tutte le bombe ha ucciso 36 miliziani dell’Isis
Condividi su:

Per il ministero della Difesa afghano la Madre di tutte le bombe ha ucciso 36 miliziani dell’Isis

Secondo quanto riferito da Kabul la bomba ha colpito “una rete di tunnel” distruggendo anche una scorta di armi, ma “senza causare vittime civili”

14 Apr. 2017  

Il ministero della Difesa afghano ha reso noto oggi che la Moab, ribattezzata Madre di tutte le bombe, lanciata il 13 aprile da un aereo statunitese sulla provincia di Nangarhar “ha causato la morte di 36 miliziani dell’Isis”.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

In un comunicato si aggiunge che la bomba, del peso di 9.800 chili, “è stata lanciata in una rete di tunnel” nel distretto di Achin della provincia di Nangarhar, e “ha completamente distrutto” l’obiettivo, “senza causare vittime civili”.

“Nessun civile è stato colpito e solo la base che l’Isis usava per lanciare attacchi in altre parti della provincia è stata distrutta”, ha detto il portavoce del ministero della Difesa.

Il portavoce ha inoltre riferito che l’attacco ha distrutto un’ampia scorta di armi.

— LEGGI ANCHE: Gli Stati Uniti hanno lanciato in Afghanistan la bomba non nucleare più potente della storia 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata