Me

La Cina teme lo scoppio della guerra in Corea del Nord da un momento all’altro

Il ministro degli Esteri Wang Yi ha chiesto alle parti in campo di evitare provocazioni reciproche

Immagine di copertina

La Cina teme lo scoppio del conflitto in Corea del Nord da un momento all’altro. A riferirlo è stato il ministro degli Esteri di Pechino Wang Yi.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

I timori della Cina arrivano dopo la disponibilità dimostrata dagli Stati Uniti a intervenire contro Pyongyang per contrastare la minaccia militare del regime nordcoreano. Il 12 aprile la Casa Bianca aveva ordinato lo spostamento della portaerei Carl Vinson verso il mare della Cina orientale. Alle forze statunitensi si erano unite anche le navi da guerra giapponesi.

“Penso che tutti le parti debbano vigilare riguardo a questa situazione. Chiediamo a tutti di astenersi dal provocarsi e minacciarsi a vicenda con azioni e parole e di non lasciare che la situazione raggiunga uno stadio irreversibile e non più gestibile”, ha aggiunto Wang.

Il presidente Trump sembra intenzionato a intervenire in Corea del Nord con o senza il sostegno della Cina, che invece vuole evitare conflitti nella penisola coreana. Il rischio maggiore che Pechino vuole scongiurare è l’arrivo di molti rifugiati ai confini cinesi.

Intanto, la compagnia di bandiera cinese, Air China, ha sospeso alcuni voli da Pechino verso Pyongyang dalla serata di venerdì 14 aprile. Lo ha riferito l’emittente televisiva Cctv. La compagnia ha però smentito di aver bloccato tutte le partenze previste. Precedentemente la Cina aveva deciso di fermare anche le importazioni di carbone dalla Corea del Nord nel tentativo di mandare un segnale a Kim Jong-un.

Dalla Corea del Nord sono arrivate forti accuse nei confronti di Washington che avrebbe messo in campo azioni militari spericolate. Il viceministro degli esteri nordcoreano, Han Song-ryol, in un’intervista all’agenzia Associated Press ha condannato i possibili “attacchi preventivi”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata