Me

Il caso delle vigilesse nigeriane punite con il taglio dei capelli

Andrew Kumapayi, un comandante del Frsc in Nigeria, ha tagliato i capelli delle proprie dipendenti durante un corteo. Per questo è stato sospeso

Immagine di copertina

L’organizzazione per la sicurezza stradale nigeriana ha sospeso un comandante filmato mentre puniva delle dipendenti donne tagliando loro i capelli.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Alcune foto diffuse sui social mostrano il comandante con un paio di forbici in mano mentre taglia i capelli delle donne durante un corteo.

Il regolamento del Federal road safety corp (Frsc) prevede una disciplina in merito al taglio di capelli dei dipendenti, ma un portavoce del corpo ha detto che l’azione del’uomo non rientra nel mandato assegnatoli dal Frsc.

Lauretta Onochie, una assistente del presidente nigeriano Muhammadu Buhari, ha condannato il taglio dei capelli definendolo una “umiliazione per le donne” in un post su Twitter.

Andrew Kumapayi avrebbe eseguito questa “punizione” nei confronti delle donne durante un corteo nella città di Port Harcourt lunedì 10 aprile.

Un manuale ufficiale rivolto allo staff Frsc precisa che i dipendenti devono “avere un taglio di capelli che permette di tenerli dentro i loro berretti”, ma non fa riferimenti al divieto di portare capelli lunghi.

Un post su Facebook in cui venivano mostrate le foto che riprendevano quanto accaduto è stato rimosso. Un’indagine è in corso e le “sanzioni appropriate” verranno prese contro le persone coinvolte nell’episodio, ha riferito il portavoce del Frsc. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata