Me

La periferia di Stoccolma che vuole diventare più femminista e sicura per le donne

La zona di Hosby viene considerata insicura dalle donne. L'azienda Svenska Bostaderche ha pensato a un restyling a partire dalla stazione della metropolitana

Immagine di copertina

Un nuovo design per la stazione della metropolitana e un sistema di illuminazione pubblica che sia più efficiente. Sono solo alcuni dei provvedimenti pensati per cambiare l’aspetto di una parte della periferia di Stoccolma, Husby, che punta a diventare più “femminista”.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La zona era stata definita più volte dalle donne della capitale svedese come insicura. Il restyling è curato dall’azienda di costruzioni Svenska Bostaderche che vuole attirare più residenti di genere femminile nell’area dove 2013 ci sono stati scontri e disordini.

“Abbiamo bisogno di più donne che abbiano accesso agli spazi pubblici”, ha detto al giornale The Local Nurcan Gültekin, il coordinatore di Svenska Bostaderche nell’area. L’azienda ha elaborato la sua strategia sulla base delle opinioni delle stesse donne che a partire dal 2009 sono state coinvolte in discussioni per individuare i luoghi della periferia in cui si sentivano meno sicure.

Il luogo meno amato dalla popolazione femminile di Husby è la stazione della metropolitana Tunnelbana che viene di solito evitato con una deviazione per il centro. 

Tra le iniziative pensate per migliorare la vita sociale dell’area c’è anche lo spostamento di un bar nella piazza centrale che al momento viene frequentato quasi esclusivamente da uomini. “Il bar è diventato il luogo di incontro naturale dei residenti di Husby, soprattutto gli uomini. Oggi le donne non hanno un luogo di aggregazione nel centro. C’è uno squilibrio. La nostra ambizione è creare armonia”, aggiunge Gültekin.

L’intenzione è quella di continuare i cambiamenti nella zona che può così diventare modello di una pianificazione urbana a misura di donna.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata