Me

Lo spot della Pepsi che ha indignato gli spettatori è stato ritirato

Una pubblicità della bibita, lanciata martedì 4 aprile, è stata rimossa dal web dopo gli attacchi ricevuti sul web per la poca sensibilità del suo messaggio

Immagine di copertina

Dopo un’accoglienza tutt’altro che positiva, che ha visto il web protestare in ogni maniera, dopo meno di due giorni è stata ritirato il nuovo spot pubblicitario della Pepsi, che era stato lanciato su YouTube martedì 4 aprile.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La pubblicità, lunga poco più di due minuti nella sua versione estesa, vede protagonista la modella ventunenne Kendall Jenner, una delle sorelle Kardashian, che negli anni hanno raggiunto un’enorme notorietà soprattutto negli Stati Uniti grazie al reality show Al passo con i Kardashian.

La ragazza è nota soprattutto come celebrità televisiva e reginetta di Instagram, simbolo di una certa élite bianca con scarsi problemi economici e una forte tendenza all’autopromozione.

Anche per questi motivi, molti spettatori che hanno avuto modo di vedere lo spot hanno protestato, visto che nel video la donna viene presentata come una sorta di salvatrice, che grazie ad un semplice gesto risolve simbolicamente i conflitti della società statunitense.

Nello spot si vede infatti una protesta che attraversa le strade di una città, come le tante che negli ultimi mesi e anni si sono susseguite sulle vie americane, e un plotone di poliziotti schierati immobili contro i manifestanti. Jenner è intenta a posare per un servizio fotografico, ma quando nota la marcia decide di lasciare il set, gettare la parrucca e unirsi alla protesta, che per essere più politicamente corretta vede molte facce dai tratti non caucasici.

La ragazza prende poi una lattina di Pepsi e si fa strada tra la folla fino ad arrivare a uno dei poliziotti, al quale la porge. Lui la accetta e la sorseggia sorridente, di fronte all’esplosione di gioia e di sorrisi della folla dei manifestanti.

Ecco il video:

In molti non hanno gradito lo sfruttamento a scopo commerciale delle tante marce di protesta degli ultimi anni, in particolare quelle del movimento Black Lives Matter, che ripetutamente ha denunciato la brutalità della polizia statunitense nei confronti della popolazione di colore. Il fatto che Jenner sia bianca, ricca e associata a un mondo molto lontano da quello dei movimenti di protesta ha fatto sì che la sua presenza fosse giudicata imbarazzante, anche a partire da dettagli come quello in cui lancia con forza la sua parrucca in mano a un’assistente nera.

In qualche modo, poi, il gesto della donna da sola di fronte a un plotone di polizia ha riportato alla mente la notissima immagine che aveva fatto il giro del mondo nel luglio 2016, quando durante una protesta contro la morte di un giovane di colore, una ragazza aveva affrontato pacificamente le forze dell’ordine in tenuta antisommossa:

(Credit: Reuters)


Perfino la figlia di Martin Luther King, Bernice, si è aggiunta alle proteste, con un tweet in cui ha ironicamente scritto “Se solo papà avesse conosciuto il potere della Pepsi…”, allegando una foto di suo padre fermato dalla polizia durante una marcia degli anni Sessanta:

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata