Me

Dopo 20 anni Israele costruirà un nuovo insediamento in Cisgiordania

Dopo l'annuncio che riguarda i residenti di Amona Netanyahu ha fatto sapere che la costruzione di nuove casa avverrà dentro o accanto agli insediamenti già esistenti

Immagine di copertina

Il gabinetto di sicurezza israeliano ha approvato nella serata di giovedì 30 marzo la costruzione di un nuovo insediamento in Cisgiordania, il primo dopo 20 anni. Sorgerà vicino a quello già esistente di Shiloh e sarà destinato a 2mila persone.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La decisione è stata presa per mantenere la promessa fatta dal premier Benjamin Netanyahu ai residenti di Amona, sgomberati circa due mesi fa su decisione della Corte suprema perché l’edificazione era avvenuta su terreni privati palestinesi.

Secondo i media locali, Israele limiterà comunque la costruzione di nuove case agli insediamenti già esistenti in Cisgiordania o in aree adiacenti. Così il premier Benyamin Netanyahu vorrebbe esprimere un atto di “buona volontà” verso l’amministrazione statunitense. 

Secondo Haaretz, Netanyahu ha detto durante la riunione del gabinetto di sicurezza che la decisione risponde alle riserve di Trump sulle colonie, adottando così unilateralmente una politica di restrizione delle costruzioni di nuove case. Limitandole cioè alle aree già sviluppate degli attuali insediamenti.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata