Me

L’Oms chiede accesso a Ghouta, in Siria, per consegnare aiuti medici

Nell'area non lontana di Damasco ci sono 300mila persone sotto assedio e nessuno dei tre ospedali è in funzione

Immagine di copertina

La situazione sanitaria nella regione orientale di Ghouta, in Siria, è critica. A denunciarlo il 27 marzo è l’Organizzazione mondiale della Sanità che ha richiesto l’accesso nella zona per poter consegnare aiuti medici.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Al momento in quest’area non molto lontana da Damasco ci sono 300mila persone sotto assedio e nessuno dei tre ospedali è attivo.

“Il tempo sta scadendo per la popolazione di Ghouta. Più i bisogni sanitari aumentano, più le risorse disponibili si esauriscono. Il nostro obiettivo principale è fornire accesso a cure in grado di salvare la vita a migliaia di uomini, donne e bambini vulnerabili”, ha detto Elizabeth Hoff, rappresentante dell’Oms in Siria.

Secondo i dati forniti dall’Organizzazione mondiale della Sanità, a Ghouta orientale, roccaforte dell’opposizione siriana, i bambini che soffrono di traumi è estremamente alto. Il 30 per cento del totale dei feriti a causa della guerra è rappresentato da minori sotto i 15 anni di età.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Campagna regione lazio