Me

I test nucleari nascosti che hanno causato più casi di contaminazione di Chernobyl

Le autorità sovietiche hanno coperto per anni gli effetti della nube radioattiva di Semipalatinsk, in Kazakistan, sulla popolazione

Immagine di copertina

Nell’immaginario collettivo il disastro nucleare ha un nome ed è Chernobyl, la centrale dell’Ucraina settentrionale che nel 1986 liberò una nube radioattiva in grado di raggiungere diversi paesi europei, Italia compresa. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

C’è però un’area dell’ex Unione Sovietica in cui si è registrato un numero quattro volte maggiore di casi di malattia acuta legata all’esposizione al materiale radioattivo e di cui nessuno ha saputo nulla per anni per volontà delle autorità.

Quest’ultime hanno coperto gli effetti sulla salute della popolazione di una serie di test nucleari sovietici nel sito Semipalatinsk della città di Ust-Kamenogorsk in Kazakistan. Un rapporto dell’Istituto di biofisica di Mosca sulle reali conseguenze è stato ritrovato da alcuni scienziati e pubblicato dalla rivista New Scientist

Il fatto risale al 1956, quando si rese necessario il ricovero di 600 persone in ospedale. Negli anni Cinquanta e nei primi anni Sessanta in quella zona industriale, nel poligono di Semipalatinsk, sono stati condotti più test nucleari rispetto a qualsiasi altra area del mondo. 

Nel rapporto ci sono i risultati di tre sopralluoghi compiuti nella zona dai ricercatori di Mosca, che hanno rivelato una contaminazione diffusa e persistente del suolo e del cibo nelle città del Kazakhstan orientale.

Nella metà del settembre del 1956 la concentrazione radioattiva era cento volte superiore al tasso consentito. 

A seguito delle spedizioni di alcuni ricercatori fu creata una clinica che ha curato circa 100mila persone esposte ai test. Tra queste molti furono bambini. Il luogo di cura fu chiamato “Dispensario anti-brucellosi”.

“L’obiettivo era non attirare attenzione sulla sua reale attività ed è stato classificato come top secret fino al 1991”, ha detto Kazbek Apsalikov, direttore dell’istituto in cui è stato ritrovato il rapporto.

Molti dei documenti del dispensario sono poi stati trasferiti o distrutti. I test di Semipalatinsk cessarono nel 1963. Sebbene alcune delle aree circostanti sono ora sicure, “alcune zone non torneranno mai al loro stato naturale”, aggiunge Apsalikov.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata