Me

A Francoforte 30mila curdi hanno manifestato contro Erdogan

I manifestanti provenivano da tutta la Germania e hanno sventolato bandiere e simboli del Pkk, il partito dei lavoratori curdo, considerato illegale dalla Turchia

Immagine di copertina

Oltre 30mila curdi hanno protestato a Francoforte, in Germania, contro il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. 

I manifestanti provenivano da tutta la Germania e hanno sventolato bandiere e simboli del Pkk, il partito dei lavoratori curdo, considerato illegale dalla Turchia.

Si sono schierati contro la riforma voluta da Erdogan, che prevede maggiori poteri per il presidente della repubblica e che sarà sottoposta a referendum il prossimo 16 aprile.

La Turchia ha condannato il raduno come “inaccettabile” e ha accusato la Germania di ipocrisia per aver autorizzato la manifestazione. Tra i due paesi la tensione resta alta dopo che la Germania si era rifiutata di autorizzare comizi di politici pro Erdogan nel paese due settimane fa. La Turchia aveva accusato la Germania di “pratiche naziste”. 

Il portavoce di Erdogan, Ibrahim Kalin, ha detto in una dichiarazione: “È inaccettabile vedere simboli e slogan del Pkk quando a due ministri turchi e ad alcuni deputati era stato impedito di incontrare i propri concittadini”. 

Un portavoce della polizia tedesca ha descritto la manifestazione di Francoforte come pacifica.

Più di 40mila persone sono state uccise da quando il Pkk ha lanciato la sua insurrezione nel 1984, e sia l’Unione europea che gli Stati Uniti la considerano un’organizzazione terroristica.

Circa 1,4 milioni di turchi in Germania godono del diritto di voto al referendum di aprile, che potrebbe dare a Erdogan nuovi poteri.