Me

I dipinti di Frida Kahlo sono diventati delle emoji

Una nuova serie di 160 emoji chiamate FridaMoji è stata distribuita sull'App Store negli ultimi giorni per celebrare un'icona della pittura mondiale

Immagine di copertina

Nata il 6 luglio del 1907 a Coyoacan, un distretto di Città del Messico, col nome di Magdalena Carmen Frida Kahlo y Calderon, la pittrice Frida Kahlo è diventata col tempo una vera e propria icona, riconoscibilissima con i suoi abiti colorati, le sue collane e le sue corone di fiori in testa.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Nonostante la malattia che la afflisse per tutta la vita, Frida ebbe modo di esprimere con i suoi quadri tutto il suo straordinario talento artistico, oltre che una personalità molto forte e indipendente, che la portarono a dipingere 143 dipinti nel corso della sua vita, di cui 55 autoritratti.

Ora il talento e la forza di Frida hanno trovato una maniera contemporanea di diffondersi tra le nuove generazioni, grazie a una nuova serie di 160 emoji chiamate FridaMoji che sono state distribuite sull’App Store negli ultimi giorni.

Sam Cantor, il gallerista e graphic designer di Los Angeles che ha creato FridaMoji, dice: “Frida era semplicemente perfetta per questo progetto. Ha trasmesso le sue emozioni in modo onesto e chiaro nel suo lavoro. Quale migliore artista da tradurre in emoji, ovvero il mezzo che oggi usiamo per esprimere le emozioni?”.

Utilizzando una classica emoji rappresentativa di una donna come base, Cantor l’ha modificata in moltissime maniere facendo riferimento sia alle caratteristiche fisiche di Frida che ai suoi abiti, così come alle immagini presenti nei suoi dipinti.

La sua ricerca è culminata in un viaggio a Città del Messico, dove ha trascorso due settimane a studiare i dipinti di Kahlo in persona, e li ha poi trasformati nella serie di emoji di cui si può avere un’anteprima nella gallery o che si può scaricare sull’App Store per i dispositivi iOS.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata