Me
Il sito che obbliga a leggere i suoi articoli prima di poterli commentare
Condividi su:

Il sito che obbliga a leggere i suoi articoli prima di poterli commentare

NRKbeta, il sito dell’azienda radiotelevisiva di stato norvegese, ha introdotto a febbraio una nuova funzione che finora sembra aver dato ottimi risultati

29 Lug. 2017

Chiunque abbia avuto occasione di aprire una pagina Facebook o un sito Internet di recente conosce bene la situazione. Sotto molti post, foto e articoli, è facilissimo trovare commenti che variano dalle accuse più pesanti a frasi che dimostrano chiaramente come il loro autore non abbia nemmeno aperto il link.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come 

Per ovviare a questo comportamento ormai abituale, il team dietro a NRKbeta, il sito dell’azienda radiotelevisiva di stato norvegese, ha introdotto a febbraio una nuova funzione che finora sembra aver dato ottimi risultati.

Sotto alcuni pezzi, i potenziali commentatori, prima di poter aggiungere la loro opinione, devono rispondere a tre domande con risposte a scelta multipla sul contenuto dell’articolo, in modo da dimostrare di averlo letto e possibilmente compreso.

“Abbiamo pensato che dovremmo fare la nostra parte per far sì che le persone abbiano delle basi comuni prima di commentare. Se tutti sono d’accordo che quello è ciò che dice l’articolo, i commenti saranno di livello decisamente migliore”, ha detto il giornalista di NRKbeta Ståle Grut.

Secondo un altro dei rappresentanti di NRKbeta, Marius Arnesen, costringere gli utenti a prendersi un po’ di tempo per pensare al proprio commento li aiuta anche ad abbassare i toni, e limitando gli sfoghi esagitati.

“Stiamo cercando di stabilire un terreno comune per il dibattito”, ha detto Arnesen. “Se hai intenzione di discutere su qualcosa, è importante sapere che cosa c’è in quesll’articolo e cosa non c’è”.

Questo un esempio delle domande (in norvegese) a cui rispondere prima di poter commentare:

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus