Me
La webcam che mostra i turisti in posa ad Abbey Road come i Beatles
Condividi su:

La webcam che mostra i turisti in posa ad Abbey Road come i Beatles

Una delle attività più diffuse a Londra è quella di attraversare le strisce pedonali come i beniamini della musica britannica. Spesso intralciando il traffico cittadino

08 Ago. 2017

Era il 1969 quando Paul McCartney, John Lennon, Ringo Starr e George Harrison, meglio noti come Beatles, si misero in posa per quello che divenne il più celebre attraversamento pedonale della storia.

La foto li vedeva in fila uno dietro l’altro sulle strisce di una strada londinese nei pressi del loro studio di registrazione, che sarebbe servita da copertina per il loro penultimo album, Abbey Road, che prendeva il nome proprio da quella via.

Probabilmente i Fab four non avevano idea degli effetti che avrebbe avuto quell’idea sul quartiere nei decenni successivi. È un dato di fatto che da allora quest’anonima via periferica è diventata una delle mete più visitate dai turisti di passaggio nella capitale britannica.

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

Com’è immaginabile, una delle attività più frequenti sul posto è quella di attraversare le strisce proprio come i beniamini della musica britannica, spesso intralciando il traffico di chi invece passa di lì per andare a lavoro.

L’attraversamento pedonale è diventato così noto che è stato ufficialmente protetto dallo stato in modo che non possa essere demolito, alterato o ampliato senza un permesso speciale da parte del governo.

Per rendersi conto di quanto avviene ogni giorno a quasi ogni ora ad Abbey Road, esiste una webcam installata presso i famosi studi discografici che riprende costantemente questo spettacolo di turisti in posa. È possibile guardare le riprese a questo link.

Il sito che offre agli utenti la videocamera include anche gli archivi delle ultime 24 ore di riprese. Chi è stato di recente in quei luoghi può approfittarne per rivedersi e magari condividere l’immagine registrata del suo passaggio.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus