Me

Arrestata la senatrice filippina che si opponeva alla violenta campagna antidroga di Duterte

Leila de Lima è accusata di aver estorto denaro a narcotrafficanti detenuti. Secondo la difesa, il governo avrebbe manipolato prove e testimoni per incastrarla

Immagine di copertina

La senatrice filippina Leila de Lima, tra i principali oppositori del presidente Rodrigo Duterte, è stata arrestata il 24 febbraio con l’accusa di aver ricevuto denaro da alcuni boss del narcotraffico già detenuti. De Lima, già rimossa qualche mese fa dalla commissione parlamentare che indagava sugli abusi della campagna antidroga lanciata dal presidente, si era rifugiata in Senato dopo essere sfuggita alla polizia che aveva cercato di arrestarla nella sua abitazione.
 
La senatrice si è consegnata alle autorità, accompagnata dai suoi avvocati e da un gruppo di politici a lei vicini. Davanti a giornalisti e cameraman, che fuori dal Senato hanno seguito in diretta i momenti successivi all’arresto, De Lima ha respinto ogni accusa. “È un onore essere imprigionata per la causa che difendo, la verità verrà alla luce al momento opportuno “, ha detto la senatrice, che si è definita prigioniera politica.
 
L’entourage e i sostenitori della senatrice ritengono che il mandato d’arresto sia parte integrante di una manovra per metterla a tacere definitivamente. Tra le accuse che le vengono imputate, violazione della legge anticorruzione, e la violazione dell’articolo in materia di “vendita, commercio, amministrazione, consegna, distribuzione e trasporto” di sostanze stupefacenti.
 
Gli eventi per i quali la senatrice è accusata risalgono al periodo tra il 2010 e il 2016, quando ricopriva l’incarico di ministra della giustizia. Secondo i procuratori, la de Lima avrebbe estorto denaro da narcotrafficanti detenuti nel carcere di New Bilibid.
 
Secondo la difesa di De Lima, il governo avrebbe manipolato prove e testimoni per accusarla. La sua versione è sostenuta da organizzazioni di difesa dei diritti umani, tra cui Human Rights Watch
 
L’arresto potrebbe far salire ancor di più le tensioni tra il governo filippino e gli oppositori di Duterte. Il 18 febbraio circa diecimila persone, per la maggior parte cattoliche, hanno partecipato alla marcia Walk for Life, per dire no alla volontà del presidente di ripristinare la pena capitale e contro la repressione violenta degli spacciatori.
La guerra alla droga lanciata da Duterte ha causato oltre 7.500 morti dallo scorso luglio, ed è stata criticata dalla comunità internazionale. “Hitler ha sterminato milioni di ebrei. Nelle Filippine ci sono adesso tre milioni di tossicodipendenti. Sarei felice di sterminarli”, aveva detto il presidente a settembre del 2016, pochi mesi dopo avere autorizzato la polizia ad uccidere i pusher.

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**