Me

Un cortometraggio sul terremoto del centro Italia realizzato da chi l’ha vissuto

La Stairway Productions ha realizzato un video per ricordare le vittime di quella tragedia e per celebrare chi va avanti, nonostante tutto

Immagine di copertina

La società di produzione The Stairway Productions, con sede in Umbria, ha realizzato un cortometraggio per dare voce ai timori suscitati dal terremoto che ha colpito il centro Italia nell’agosto 2016.

Il video tratta la tematica del terremoto dal punto di vista di due giovani lavoratori: tutta la squadra tecnica che l’ha realizzato ha ancora vivo il ricordo del sisma, e si è impegnata a creare un messaggio di speranza e un invito a resistere in situazioni difficili e ostili. 

“Essendo il terremoto un pericolo che proviene dalla natura ci rende del tutto inermi e ci sentiamo soli, soprattutto di notte”, spiegano a TPI i realizzatori del video. “Tutta la nostra squadra ha subito l’esperienza di un terremoto e quindi volevamo rendere partecipi gli spettatori di tale paura. Il filmato nasce da una poesia scritta da Duccio Brunetti e sfrutta la simbologia del pane (quello che si vede è realizzato a Spoleto) per creare un forte parallelismo tra la terra e il lavoro”.

“Abbiamo subito così tanti sismi che ci fermiamo solo per pochi secondi e poi riprendiamo a lavorare. Questo cortometraggio è un messaggio di affetto e di rispetto nei confronti di chi ha subito gravi danni ma continua a lottare”, concludono i realizzatori.

Il cast comprende Mirko Peruzzi e Diletta Masetti, la regia è di Duccio Brunetti, il direttore della fotografia è Riccardo Pompili, il fonico Nicolas Mari, le musiche originali di Alessandro Elisei. Il corto è prodotto da Nicolò Marchi e dalla The Stairway Productions,ed è stato montato presso lo studio Emaki srl.

Ecco il cortometraggio Mi vedrai correre:

(È possibile guardare altri corti degli autori sul loro sito e sulla loro pagina Facebook)

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**