Me

La strana stretta di mano di Donald Trump

I commentatori più attenti hanno notato che durante ogni incontro pubblico il presidente degli Stati Uniti usa una stretta di mano piuttosto violenta e anomala

Immagine di copertina

Chi ha avuto modo di osservare da vicino il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, o chi avesse seguito con attenzione le immagini televisive dei suoi più recenti incontri con altri leader mondiali, avrà notato un particolare ricorrente: la sua stretta di mano.

Tra le costanti di questi incontri c’è la maniera molto originale, e in qualche modo significativa, in cui Trump stringe la mano, salutando qualcuno, ossia tirandolo a sé facendogli perdere l’equilibrio, e tenendo la mano altrui in una posizione innaturale e immobilizzata. Ecco una compilation di queste strette realizzata da GQ:

L’ultima vittima di quest’abitudine è stato il premier giapponese Shinzo Abe, che durante la sua visita alla Casa Bianca è stato protagonista di un siparietto involontario quando Trump, a favore di macchine fotografiche e telecamere, gli ha stretto la mano per 19 interminabili secondi, seguiti da uno sguardo esausto di Abe. 

via Giphy

La stessa cosa non si è però ripetuta questa settimana, quando Trump ha incontrato il primo ministro canadese Justin Trudeau, che, forse perché più giovane e aitante degli abituali colleghi di Trump, non si è lasciato prendere in contropiede dalla “stretta a tradimento” dello statunitense, non muovendosi di un millimetro:

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**