Me

Elezioni parlamentari e presidenziali in Libia a febbraio del 2018

Secondo fonti egiziane il premier Serraj e il generale Haftar, leader di amministrazioni rivali, avrebbero trovato un accordo al Cairo, ma altri smentiscono

Immagine di copertina

L’agenzia di stampa ufficiale egiziana Mena ha annunciato nella notte tra il 14 e il 15 febbraio che il premier libico Fayez al-Serraj e il generale Khalifa Haftar, leader di amministrazioni rivali, hanno “concordato di tenere elezioni parlamentari e presidenziali a febbraio 2018, in linea con l’accordo politico” firmato a Skhirat, in Marocco, nel dicembre 2015. 

I due uomini si trovavano al Cairo per colloqui indiretti mediati dal governo egiziano alla ricerca della riconciliazione tra Tripoli e Tobruk e di una soluzione alla lunga crisi nel paese nordafricano.

Nella capitale egiziana le parti libiche hanno stabilito di “formare un comitato congiunto del parlamento libico e dell’alto consiglio di Stato per esaminare le questioni che hanno concordato di emendare nell’accordo politico” firmato in Marocco nel 2015 e poi “raggiungere un consenso su una bozza da inoltrare al parlamento per essere approvata”, scrive ancora Mena

“Il parlamento libico farà i necessari emendamenti per includere l’accordo politico di Skhirat nella dichiarazione costituzionale. L’accordo afferma inoltre che tutti i detentori dei principali incarichi in Libia continueranno il loro lavoro”, incluso il premier Serraj.

Il quotidiano locale Libya Herald, tuttavia cita fonti vicine a Haftar secondo cui il generale non avrebbe affatto accolto la proposta. Haftar avrebbe rifiutato di incontrare la controparte e Serraj avrebbe pertanto lasciato il Cairo per fare ritorno a Tripoli.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**