Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il premier libico Serraj e il generale Haftar al Cairo

Il ruolo di Khalifa Haftar nel futuro assetto della Libia è uno dei nodi cruciali della crisi nel paese nordafricano

Immagine di copertina

Il premier libico Fayez al-Serraj e il generale Khalifa Haftar sono entrambi al Cairo, in Egitto. A riferirlo sono fonti aeroportuali cairote. Un incontro nella capitale egiziana fra i due era stato preannunciato il mese scorso dallo stesso Serraj e da funzionari egiziani.

Il ruolo di Haftar nel futuro assetto istituzionale libico è uno dei nodi principali nella crisi nel paese nordafricano. La settimana scorsa il ministro degli Esteri Angelino Alfano aveva dichiarato, in seguito all’incontro dell’ambasciatore italiano con i rappresentanti di Tobruk, che “la situazione in Libia va affrontata con pragmatismo. Noi siamo stati i primi a dire che il generale Khalifa Haftar doveva avere un ruolo e la scelta dell’Italia è favorire un dialogo con l’est che possa unificare i due versanti, perché la pace va trovata tra i libici, e non sotto dettatura dall’esterno”. 

Anche l’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Libia Martin Kobler ha dichiarato in un’intervista rilasciata a La Stampa e pubblicata giovedì 9 febbraio 2017 che sarebbe opportuno aprire un consolato italiano a Tobruk per coinvolgere il generale Haftar nella stabilizzazione del paese nordafricano e nella lotta all’immigrazione clandestina.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**