Me

Il nostro cane ci giudica in base a come trattiamo le altre persone

Un esperimento dell'università di Kyoto rivela che i cani mostrano di avere una preferenza per gli umani che aiutano le altre persone

Immagine di copertina

Non sono solo le convenzioni sociali a volere che siamo sempre gentili con le altre persone. Anche i nostri animali domestici ce lo chiedono.

Un recente esperimento dell’università di Kyoto, in Giappone, rivela infatti che i cani preferiscono le persone che aiutano gli altri, e questo potrebbe ricollegarsi direttamente alle origini innate della nostra “moralità”.

In precedenza, alcuni studi sui neonati hanno evidenziato che all’età di un anno gli esseri umani cominciano già a giudicare le persone sulla base di come queste interagiscono con gli altri. Questo ha portato a ritenere che i bambini abbiano una morale innata che si manifesta ancora prima di qualsiasi insegnamento questi ricevano nel corso della loro vita.

Lo psicologo comparatista James Anderson dell’università di Kyoto si è chiesto se la stessa cosa accada con altre specie. Lui e i suoi colleghi hanno quindi effettuato un test comportamentale sui cani, con l’aiuto dei loro padroni.

L’esperimento si è svolto in questo modo: ciascuno dei padroni ha finto di cercare di aprire un contenitore che conteneva un premio. Poi ha chiesto a una delle due persone al suo fianco di aiutarlo.

In un primo test, l’attore ha accettato di aiutarlo. Quando entrambe le persone che erano ai lati del padrone hanno offerto al cane un premio, lui non ha espresso una preferenza, accettando indiscriminatamente ciò che gli veniva offerto.

Nel secondo test invece, l’attore ha rifiutato di aiutare il padrone del cane ad aprire il contenitore. In questo caso, il cane è stato più propenso a scegliere la ricompensa che gli offriva l’attore passivo rispetto a quello che aveva negato il suo aiuto.

I cani si sono evoluti a stretto contatto con gli esseri umani, il che significa che sono particolarmente sensibili al modo in cui le persone agiscono. 

Lo studio dell’università di Kyoto ha eseguito anche test analoghi sulle scimmie, riscontrando risultati simili. Anche i primati infatti preferiscono le persone che hanno agito in modo gentile o generoso.

“Penso che anche negli esseri umani ci sia questa sensibilità di base verso comportamenti antisociali”, ha detto Anderson. “Poi attraverso la crescita e l’insegnamento, si sviluppa in un senso della morale vero e proprio”.

Qui sotto il video dell’esperimento: 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**