Me

Jeff Sessions è il nuovo ministro della Giustizia americano

La nomina di Sessions, tacciato di essere un razzista, ha profondamente diviso il senato, che lo ha confermato con appena 5 voti di scarto

Immagine di copertina

L’uomo scelto da Donald Trump per guidare il dipartimento di Giustizia è stato confermato dal senato degli Stati Uniti mercoledì 8 febbraio 2017. Jeff Sessions è quindi il nuovo segretario alla Giustizia guadagnandosi il posto con appena cinque voti di scarto: 52 senatori hanno votato a favore e 47 si sono opposti dopo un dibattito durissimo che non fa che sottolineare la profonda spaccatura in seno alla camera alta americana.

Sessions è una delle scelte più controverse del neo presidente degli Stati Uniti: conservatore, contrario all’aborto e, secondo i suoi oppositori, anche un razzista fautore della supremazia bianca.

Il neo ministro ha tentato durante i dibattiti di smentire le preoccupazioni sul suo conto, incontrando in particolare la strenua resistenza della senatrice democratica Elizabeth Warren che ha cercato di leggere in aula una lettera della vedova di Martin Luther King in cui Coretta King spiegava perché Sessions non meritasse il posto a cui era stato candidato in passato, quello di giudice federale. Il leader dei repubblicani in senato è riuscito però a mettere a tacere, o imbavagliare come è stato detto, la collega.

— LEGGI ANCHE: Tutti gli uomini (e le donne) del presidente Trump

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**