Me

La Croce Rossa sospende le attività in Afghanistan

La decisione è stata presa all'indomani dell'uccisione di sei operatori dell'organizzazione umanitaria internazionale in un agguato dell'Isis

Immagine di copertina

Il Comitato internazionale della Croce Rossa (Icrc) ha deciso di sospendere le proprie attività in Afghanistan in seguito all’attacco rivendicato dall’Isis in cui hanno perso la vita sei dei suoi operatori, mentre due risultano ancora dispersi. Il direttore del Icrc ha però assicurato che l’agenzia “farà qualunque cosa” per ritornare operativa nel paese.

Mike Adamson della Croce Rossa britannica ha detto che è in corso una grave escalation di attacchi contro gli operatori umanitari e che tali aggressioni stanno diventando la norma benché il lavoro delle organizzazioni umanitarie sia protetto dal diritto internazionale: “Non possiamo accettarlo. Dopo ogni attacco c’è un coro di condanne che però ormai rimangono inascoltate”.

— LEGGI ANCHE: Almeno sei operatori della Croce Rossa uccisi in Afghanistan

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**