Me

Il Bangladesh vuole spedire i rohingya in un’isola deserta

.

Non c’è pace per i rifugiati rohingya, una delle minoranze di religione musulmana più perseguitate al mondo. Circa 470mila profughi fuggiti dallo stato di Rakhine, nel nord ovest della Birmania, e giunti nel vicino Bangladesh

corrono il rischio di essere trasferiti in un’isola remota. Il governo 

Il governo del Bangladesh sta portando avanti un progetto per spedire i rifugiati rohingya in un’isola. Sono stati individuati circa 6mila acri (2500 metri quadrati) per spostare i rifugiati dalla Birmania all’isola. Coloro che sono fuggiti in Bangladesh vivono in condizioni precarie nei campi installati nel distretti di Cox Bazar, che ospita la più grande località turistica del paese. Il Bangladesh sta spingendo avanti con un controverso piano per spostare decine di migliaia di rohingya in un’isola remota, nonostante gli avvertimenti sulle difficoltà di vivere in condizioni estreme essendo un’area soggetta a inondazioni. Il governo ha istituito una commissione composta da funzionari statali nei distretti costieri, ordinando le autorità per aiutare a identificare e riposizionare i cittadini della Birmania privi di documenti nell’isola di Tenga Char nel Golfo del Bengala. 

“Il comitato assisterà il trasferimento di rifugiati registrati e non registrati dalla Birmania a Tenga Char vicino all’isola Hatiya nel quartiere Noakhali”, secondo un ordine emesso dalla divisione ministri la scorsa settimana e pubblicato online. 

Il piano di delocalizzazione ha generato un motto d’indignazione tra i leader della comunità dei rohingya, mentre un’agenzia delle Nazioni unite ha detto che il trasferimento forzato sarebbe stato molto complesso e un azione controversa. 

Hatiya è sulla foce del fiume Meghna e un viaggio di nove ore di distanza dai campi in cui i rohingya hanno preso rifugio. 232mila musulmani rohingya (sia registrati sia non registrati) che vivono in Bangladesh davanti a più di 65mila apolidi rohingya in fuga nel vicino stato occidentale della Birmania dallo stato di Rakhine ha iniziato l’attraversamento nel paese lo scorso ottobre. 

La maggior parte di coloro che sono fuggiti in Bangladesh vivono in condizioni squallide in campi profughi nel distretto di Cox’s Bazar, che confina con lo stato di Rakhine ed è la più grande località turistica del Bangladesh. 

Il Bangladesh ha anche chiesto che i funzionari nei distretti di confine per identificare i cittadini del Myanmar che si sono “illegalmente infiltrati” nel paese. “Deve essere assicurato adottando misure di prevenzione che essi (i rifugiati) non possono sparsi e mescolare con la gente del posto”, si legge l’ordine che è stato del 26 gennaio.

“I rifugiati identificati devono essere arrestati o spinto indietro ai campi se cercano di uscire oltre il limite assegnato.”

Bangladesh prima messo in discussione l’idea di trasferirsi rifugiati nel 2015, nonostante le accuse che l’isola non era pronta per l’abitazione umana.

Un funzionario della regione ha criticato l’idea, dicendo che l’isola 2.430 ettari è “accessibile solo durante l’inverno e un rifugio per i pirati”.

Le autorità sono state piantare alberi nel tentativo di puntellare terra contro le alte maree e inondazioni, ma questi sforzi sono stati almeno un decennio di distanza dal completamento, ha aggiunto il funzionario.

“E ‘inonda completamente durante il monsone,”, ha detto il funzionario l’agenzia di stampa AFP, parlando in condizione di anonimato.

“E ‘una pessima idea di mandare qualcuno a vivere lì.”

Non c’era nessun commento immediato da parte dei leader della comunità Rohingya.

Mohammad Rafique, un Rohingya musulmani dal Myanmar, centro, implora un ufficiale della guardia costiera del Bangladesh di non inviare la sua famiglia a Myanmar a Shahporir DWIP in Taknaf, Bangladesh [AP]

Campagna regione lazio

Rohingya dal Myanmar che ha attraversato verso il Bangladesh, stringono in una camera in un campo profughi non registrati in Teknaf, nei pressi di Cox Bazar [AP]