Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

In 5 anni impiccati 13mila detenuti nella prigione militare di Damasco

Amnesty International denuncia che il regime siriano di Assad ha segretamente messo a morte migliaia di prigionieri nel famigerato carcere di Saydnaya

Immagine di copertina

Secondo il gruppo per la difesa dei diritti umani Amnesty International, il regime siriano di Bashar al-Assad ha segretamente messo a morte oltre 13mila persone nel famigerato carcere militare damasceno di Saydnaya, soprannominato “il mattatoio”.

L’organizzazione denuncia che tra il 2011, anno di inizio del sollevamento siriano, e il 2015 sono avvenute impiccagioni di massa: una o due volte a settimana venivano uccise tra le 20 e le 50 persone.

Il rapporto Amnesty si fonda sulle testimonianze raccolte da 31 ex detenuti e oltre 50 ufficiali, che raccontano come le esecuzioni erano approvate direttamente da alti funzionari, inclusi quelli più vicini al presidente Assad.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**