Me

Merkel incassa il sostegno degli alleati per la corsa alla cancelleria

C'è l'accordo tra i partiti conservatori tedeschi sulla quarta nomina. Ma sulla questione migranti restano i contrasti con la Csu di Seehofer

Immagine di copertina

Angela Merkel ha il sostegno ufficiale dei cristiano-sociali bavaresi e sarà candidata per la quarta volta alla cancelleria tedesca, per tutta l’Unione (Cdu-Csu). La notizia è stata diffusa lunedì 6 febbraio dall’agenzia di stampa tedesca Deutsche Presse-Agentur, e confermata da aluni esponenti della Cdu alla Reuters.

Il via libera sarebbe arrivato a Monaco, durante un vertice tra i due leader dei partiti confederati. Da quando Angela Merkel, a novembre 2016, ha annunciato di voler correre nuovamente per la cancelleria, non sono mancate tensioni con il premier bavarese Horst Seehofer. Tra le questioni al centro dello scontro c’è anche la gestione della crisi dei migranti. In particolare, la Csu insiste per l’introduzione di un tetto limite all’accoglienza, negato finora da Angela Merkel, che ha strenuamente difeso la politica delle porte aperte contestata dagli alleati.

L’Unione dovrà adesso guardarsi dal forte recupero di consendi per l’Spd, registrato in questi ultimi giorni. Secondo un sondaggio pubblicato dalla Ard, primo canale della televisione pubblica tedesca, se si votasse domani per la guida del governo il 50 per cento dei tedeschi sceglierebbe il candidato socialdemocratico Martin Schulz, contro il 34 per cento di quelli che vorrebbero la riconferma di Merkel.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**