Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il meraviglioso sogno di Yassin

Arrivato dalla Siria, Yassin voleva solo lavorare, vendere falafel in un posto tutto suo. Oggi il suo locale è un esempio di integrazione e speranza per gli Stati Uniti

Immagine di copertina

Quando Yassin e la sua famiglia arrivarono a Knoxville, negli Stati Uniti, non avevano nulla. Fuggiti dalla Siria nel 2011, si ritrovarono senza casa, senza parenti, senza amici o conoscenti a cui poter chiedere aiuto nella loro nuova città. La vita del rifugiato, racconta Yassin nel breve documentario, è dura. 

Yassin non poteva lavorare e non conosceva nemmeno la lingua. Il primo posto dove si recò fu la moschea locale, nella quale gli offrirono di provvedere periodicamente a un pasto per lui e la sua famiglia, ma lui non volle accettare. Yassin voleva lavorare e il suo sogno era quello di poter vendere falafel, cucinati da lui, per portare la cultura e la gastronomia della Siria negli Stati Uniti. 

Si mise a venderli proprio davanti alla moschea, ogni giorno, per due anni. Furono proprio i fedeli a decidere di radunare il denaro che sarebbe servito a Yassin per aprire un posto tutto suo, dove poter cucinare e vendere i suoi falafel. Oggi il locale di Yassin non è solo un luogo di ristoro, ma un punto di incontro per tutti coloro che rifiutano ogni forma di discriminazione e sognano un’America multiculturale e tollerante. 

Di seguito, la storia di Yassin, nel commovente documentario, di Malcolm Pullinger e Mohammad Gorjestani. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**