Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Una polaroid al giorno per 18 anni: la battaglia di un uomo contro il cancro

Dalla cicatrice dell’intervento chirurgico, ai capelli che cominciano a cadere, fino all'anello di fidanzamento donato poche settimane prima di morire. La fotogallery:

Immagine di copertina

Nel 1979, Jamie Livingston, fotografo e regista newyorkese, ricevette in regalo una Polaroid SX-70. Da quel momento Jamie ha scattato una polaroid al giorno per 18 anni, per la precisione,  dal 31 marzo 1979 al 25 ottobre 1997. 

Ne è nato un progetto con oltre 6mila foto che ripercorrono quasi un ventennio del giovane appassionato di fotografia e morto per un cancro al cervello, proprio nel 1997.

Armato della sua macchina fotografica, Livingston è andato a documentare ogni aspetto della sua vita quotidiana: i momenti con amici e familiari, le relazioni personali, gli istanti che ritraggono la sua passione per il lavoro.

La parte forse più introspettiva del suo progetto, però, è quella che documenta la battaglia contro il cancro che gli viene diagnosticato nel 1997. 

Una polaroid immortala la cicatrice dell’intervento chirurgico al cervello, un’altra i capelli di Jamie che cominciano a cadere, un’altra ancora l’anello di fidanzamento che ha dato alla sua ragazza poche settimane prima di morire. 

Una gallery emozionante che ripercorre i momenti più importanti della vita del giovane professionista fino agli ultimi istanti insieme alla compagna il giorno del matrimonio e dei momenti di sofferenza all’interno dell’ospedale.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**