Me

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 2 febbraio 2017

Immagine di copertina

Stati Uniti: nuove proteste sono scoppiate negli Stati Uniti, al campus dell’univesità Californiana di Berkeley. Gli studenti hanno protestato per la visita di Milo Yiannopoulos, del sito di estrema destra Breitbart news, legato al consigliere strategico di Trump, Steve Bannon. La visita è stata annullata. 

– Italia: Bruxelles non è soddisfatta della lettera in risposta alle richieste dell’Unione europea sui conti pubblici italiani. L’Italia potrebbe quindi trovarsi a rischio commissariamento. Domani, 3 febbraio, il faccia a faccia tra il primo ministro italiano Paolo Gentiloni e il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker durante il summit europeo di Malta. 

– Australia: una telefonata tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il premier australiano Malcolm Turnbull ha messo in discussione l’accordo sul reinsediamento dei richiedendo asilo. Il Washington Post ha riferito che Trump ha definito la conversazione “la peggiore in assoluto” delle sue discussioni con altri leader mondiali. Trump ha poi twittato che avrebbe “studiato questo stupido accordo”. L’accordo era stato siglato con l’amministrazione Obama, e riguarda il reinsediamento negli Stati Uniti di 1.250 richiedenti asilo che si trovano a Nauru e Papua Nuova Guinea.

– Corea del Nord: il ministro della difesa statunitense James Mattis si è recato in Corea del Sud, per il primo viaggio ufficiale all’estero di un membro dell’amministrazione Trump. Lo scopo della visita è quello di rassicurare la Corea del Sud sull’impegno degli Stati Uniti nella difesa del paese asiatico dalle minacce della Corea del Nord. 

– Siria: l’aviazione turca ha colpito e ucciso 51 militanti del sedicente Stato islamico in un’operazione contro obiettivi jihadisti nelle località siriane di al-Bab, Tadif, Kabbasin e Bzagah. 

– Romania: almeno 150mila persone stanno protestando a Bucarest contro i provvedimenti del governo che hanno permesso la liberazione di decine di funzionari arrestati per corruzione. Si tratta di una delle proteste anti-governative più massicce del paese. La polizia ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere la folla. 

– Stati Uniti: la polizia del North Dakota ha arrestato almeno 76 persone in particolare attivisti che si erano accampati a Standing Rock per protesta due giorni dopo il decreto esecutivo di Trump che annunciava l’approvazione del piano per la costruzione degli oleodotti Dakota Access.

– Francia: si fa sempre più difficile la posizione del candidato di centro destra in Francia, Francois Fillon, al centro di uno scandalo per un presunto finto lavoro da assistente parlamentare della moglie Penelope. I sondaggi recenti mostrano come per la prima volta negli ultimi mesi, Fillon potrebbe non superare il primo turno elettorale. Favoriti sembrano essere Marine Le Pen e il candidato centrista Macron.  

– Stati Uniti: il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel incontrerà il segretario di Stato Usa Rex Tillerson. 

– Yemen: gli Stati Uniti hanno riferito che ci sono civili tra le vittime di un attacco contro obiettivi di al-Qaeda in Yemen, compresi dei bambini.