Me
La mappa del mondo in cui ogni luogo è rappresentato da una canzone
Condividi su:

La mappa del mondo in cui ogni luogo è rappresentato da una canzone

Uno studio di design britannico ha realizzato una cartina inserendo i titoli di celebri canzoni al posto di città, mari e paesi per un viaggio musicale intorno al globo

28 Giu. 2017

Da Born in the U.S.A. di Bruce Springsteen a Back in the U.S.S.R. dei Beatles, il viaggio da una parte all’altra del mondo può essere anche un tour nella storia della musica, con la mappa realizzata da uno studio di design londinese di nome Dorothy.

In questa cartina geografica i nomi di città, oceani, mari, fiumi e interi continenti sono stati sostituiti dai titoli di circa 1.200 celebri canzoni: il rischio è davvero quello di perdersi tra un brano e l’altro.

Mentre alcuni titoli sono facili da collocare sulla mappa – basti pensare a New York, New York di Frank Sinatra e a Radio Ethiopia di Patti Smith – altri non sono così scontati e chiedono uno sforzo di fantasia.

– LEGGI ANCHE: Il Google Earth della radio che fa ascoltare (quasi) tutte le stazioni del mondo

“Volevamo combinare posti reali (come London Calling, No Sleep Till Brooklyn, Tour De France) ad alcune descrizioni (River Deep, Mountain High, I Am A Rock, Summer Night City, Teenage Wasteland)”, ha detto Phil Skegg, un designer di Dorothy che a creato la mappa.

Riferendosi al riscaldamento globale, gli autori hanno deciso inoltre di chiamare il mare intorno al polo nord Losing My Edge, come la canzone dei LCD Soundsystem, mentre la Corea del Nord diventa Isolation dei Joy Division.

Tra i brani scelti dai designer ci sono Anarchy in the U.K. dei Sex Pistols, China Girl di David Bowie e Radio Free Europe dei R.E.M.

– LEGGI ANCHE: Esiste una mappa interattiva di tutti i generi musicali del mondo

La mappa (qui nella versione ingrandibile) include un elenco in ordine alfabetico di tutte le canzoni scelte e dei loro autori. È disponibile in colori pastello o in una versione vintage, in blu e giallo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus