Me

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 25 gennaio 2017

Immagine di copertina

Italia – Le vittime accertate della valanga che ha colpito l’hotel Rigopiano il 18 gennaio 2017 sono 21. Nella notte sono stati ritrovati altri tre corpi. Tra le sei persone decedute nell’incidente dell’elicottero precipitato ieri in Abruzzo ci sono il pilota, un medico, due soccorritori, un operatore e lo sciatore soccorso. Due delle vittime avevano partecipato al soccorso dell’hotel Rigopiano. Oggi il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni si recherà al Senato per riferire sull’emergenza terremoto e maltempo che ha colpito il centro Italia.

Stati Uniti – Il presidente Donald Trump ha annunciato che sarà avviata la costruzione del muro con il Messico. Trump ha reso noto che oggi, in una giornata dedicata alla sicurezza nazionale, firmerà l’ordine esecutivo per destinare fondi pubblici federali “all’edificazione di un muro al confine meridionale” degli Stati Uniti. Il presidente firmerà anche una direttiva per bloccare l’arrivo di profughi dalla Siria e da altre “nazioni esposte al terrorismo”. Intanto, Bana Alabed, una bambina siriana di 7 anni famosa per i suoi tweet da Aleppo, ha scritto una lettera al nuovo presidente statunitense.

Italia – È passato un anno esatto dalla scomparsa di Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato e ucciso in Egitto nel gennaio 2016. L’ong Amnesty International ha organizzato una giornata di mobilitazione nazionale per chiedere la verità sulla sua morte. L’appuntamento principale è previsto all’Università La Sapienza di Roma alle ore 12:30, del 25 gennaio. TPI ha pubblicato 10 vignette disegnate da Gianluca Costantini per chiedere verità per il giovane ricercatore ucciso al Cairo.

Siria – I gruppi dei ribelli si dividono sull’accordo raggiunto ieri da Iran, Turchia e Russia per monitorare la tregua in territorio siriano. Nell’accettare l’accordo, il rappresentante del governo siriano ha detto che continuerà l’offensiva dell’esercito a ovest di Damasco contro i ribelli. Quest’ultimi ritengono che si tratti di una violazione del cessate il fuoco stabilito il 30 gennaio.

Unione europea – Un nuovo piano che prevede la presenza di navi militari dell’Unione europea in acque libiche potrebbe essere adottato su iniziativa della presidenza maltese, con il via libera della Germania.

Somalia – Una sospetta autobomba ha colpito un albergo nella capitale Mogadiscio; uomini armati sono entrati all’interno dell’hotel. I morti sono almeno sette. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo islamista al Shabaab.

Italia – È stata rimandata a oggi per le ore 13 la sentenza della Corte costituzionale sulla legittimità della legge elettorale, nota come Italicum.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**