Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Poco prima dell’insediamento di Trump, Obama destina 221 milioni di dollari ai palestinesi

Il Congresso dominato dai repubblicani aveva bloccato la spesa ma il suo parere non è vincolante così il 20 gennaio Washington ha erogato i fondi all'Autorità Palestinese

Immagine di copertina

Secondo quanto ha riportato l’agenzia di stampa americana AP lunedì 23 gennaio 2017, uno degli ultimi atti dell’amministrazione Obama è stato erogare 221 milioni di dollari all’Autorità Palestinese.

Il Congresso, dominato dai repubblicani, aveva inizialmente approvato i fondi destinati ai palestinesi nell’ambito dei bilanci per il 2015 e 2016, ma poi almeno due deputati li avevano bloccati perché l’Autorità Palestinese aveva richiesto l’adesione ad alcuni organismi internazionali.

L’opinione espressa dai parlamentari non è vincolante, benché solitamente venga rispettata dall’esecutivo. Ma non questa volta.

Venerdì 20 gennaio, a poche ore dall’insediamento del presidente Donald Trump, l’amministrazione Obama ha notificato al Congresso la spesa di 221 milioni di dollari destinati ai palestinesi; altri 4 milioni per programmi relativi al cambiamento climatico; 1,25 milioni elargiti alle istituzioni Onu per peacebuilding, lotta allo sfruttamento e agli abusi sessuali, protezione dell’ozono ecc.; e 1,05 milioni di dollari per i rappresentanti particolari del dipartimento di Stato in Afghanistan e Pakistan nonché l’ufficio per gli affari dell’Asia centrale e meridionale.

Il denaro inviato all’Autorità Palestinese sarà destinato agli aiuti umanitari per la Cisgiordania e Gaza, a sostenere riforme politiche e in materia di sicurezza e a contribuire alla creazione del futuro stato palestinese, soprattutto per quanto riguarda governance e stato di diritto.

La mossa dell’ultimo minuto dell’amministrazione Obama sicuramente non è stata digerita agevolmente dalla nuova amministrazione Trump che non ha fatto mistero di voler adottare una posizione decisamente filoisraeliana, a cominciare dal trasferimento dell’ambasciata degli Stati Uniti in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, ritenuta dagli israeliani ma non dal resto della comunità internazionale la capitale eterna dello stato ebraico.

I palestinesi, che vorrebbero stabilire a Gerusalemme est la capitale del futuro stato della Palestina, ritengono che l’iniziativa di Trump metterebbe a serio rischio il processo di pace.

— LEGGI ANCHE: Chi è il nuovo ambasciatore degli Stati Uniti in Israele

— LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sugli insediamenti israeliani in Palestina

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**