Me

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 24 gennaio 2017

Immagine di copertina

Stati Uniti: il presidente Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo che prevede il ritiro del Tpp, l’accordo trans-pacifico, come primo atto formale della sua amministrazione. Il trattato non era ancora stato ratificato dal Senato. Fortemente voluto dall’amministrazione Obama, era il frutto di due anni di sforzi diplomatici. Trump aveva promesso il ritiro dell’accordo in campagna elettorale. Intanto, la commissione Affari esteri del Senato ha approvato la nomina di Rex Tillerson come segretario di Stato, mentre un’autrice della trasmissione Saturday Night Live è stata sospesa dopo aver postato un tweet in cui prendeva in giro uno dei figli di Trump, Barron. Oggi l’ad di Fca, Sergio Marchionne, incontra il neopresidente Usa alla Casa Bianca.

Italia: si terrà oggi l’udienza della Corte costituzionale sull’Italicum. Il giudizio di costituzionalità è un momento cruciale per le sorti della legislatura e le opposizioni chiedono che dalla Corte esca una legge elettorale subito applicabile. Ecco cosa c’è da sapere sull’Italicum. Qui invece cos’è il Mattarellum, la formula elettorale proposta dal Partito democratico dopo la vittoria del no al referendum.

Regno Unito: è attesa per oggi la sentenza della Corte suprema britannica sulla necessità di un voto parlamentare per autorizzare le trattative sulla Brexit. 

Italia: nelle ultime ore sono stati recuperati altri tre corpi dalle macerie dell’hotel Rigopiano. Sale così a 12 il bilancio delle vittime della valanga che ha travolto l’hotel lo scorso 18 gennaio. 

Siria: proseguono i colloqui di pace iniziati ieri ad Astana, in Kazakistan, tra i ribelli siriani e i rappresentanti del regime di Assad. L’inviato Onu per la Siria ha fatto sapere che non manca molto alla dichiarazione finale, ma i ribelli hanno detto di non aver intenzione di firmare alcun comunicato.

Iraq: le forze militari irachene si preparano a lanciare un’offensiva sulla parte occidentale di Mosul dopo aver liberato dall’Isis la parte est della città.

Serbia: migliaia di bambini rifugiati nel paese dormono al freddo all’esterno o in edifici non adatti alle loro necessità in Serbia, le Nazioni Unite lanciano l’allarme.

Stati Uniti: sono attese per oggi le nomination agli Oscar. Tra i probabili protagonisti anche il musical La La Land, accolto trionfalmente sia a Venezia che a Toronto. L’Italia spera nel docufilm Fuocoammare di Gianfranco Rosi, tra i candidati per il miglior documentario.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**