Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Cosa ha detto Donald Trump nel suo primo discorso da presidente degli Stati Uniti

"Oggi trasferiamo il potere da Washington al popolo. Dobbiamo proteggere i nostri confini, la protezione porterà più prosperità e più forza"

Immagine di copertina

Il giuramento di Donald Trump come presidente degli Stati Uniti d’America si è svolto il 20 gennaio 2017 al Campidoglio, a Washington D.C. 

Il repubblicano è diventato così ufficialmente il 45esimo presidente Usa, dopo aver vinto le elezioni di novembre 2016.

Dopo il giuramento, Trump ha svolto il discorso inaugurale, nel quale ha contrapposto i partiti e la politica al popolo, ha promesso di sradicare il terrorismo islamico e di riportare lavoro e ricchezza negli Stati Uniti proteggendo i loro confini.

Ecco i punti principali del suo discorso:

– Trump ha espresso un ringraziamento a Barack e Michelle Obama per la transizione presidenziale. “Siamo grati al presidente Obama e alla first lady Michelle Obama per questa transizione. Sono stati magnifici”, ha detto.

– Il neopresidente ha poi sottolineato che il 20 gennaio 2017 sarà ricordato come il giorno del popolo, in cui è stato trasferito il potere “da Washington al popolo”.

“Finora l’establishment ha protetto se stesso ma non i cittadini del paese”, ha detto Trump. “Questo momento appartiene a voi. Le persone dimenticate di questo paese non saranno più dimenticate”

– Trump ha insistito su alcuni punti chiave della sua campagna elettorale, come la necessità di proteggere i confini, di creare nuovi posti di lavoro per gli americani e la volontà di sradicare il terrorismo islamico.

“La ricchezza della classe media è stata mandata all’estero. Ma da oggi ci sarà sempre l’America per prima”, ha detto il presidente. “Porteremo di nuovo a casa i nostri lavori, riporteremo a casa la ricchezza e i nostri sogni. Costruiremo nuove strade, autostrade e ponti. Ricostruiremo il nostro paese con il lavoro americano e con le mani americane. Gli americani assumeranno gli americani”.

“La protezione porterà più prosperità e più forza, dobbiamo proteggere i nostri confini. È diritto di tutte le nazioni mettere al centro i propri interessi”, ha aggiunto.

“Riuniremo il mondo contro il terrorismo radicale islamico, che faremo sparire dalla faccia della terra”.

– Il presidente ha poi espresso un invito all’azione quando ha detto: “Il momento delle chiacchiere è finito, arriva l’ora dell’azione. Nessuna sfida è troppo alta per gli americani. Noi prospereremo ancora. Siamo all’alba di un nuovo millennio. Possiamo far sparire le malattie e investire nella tecnologia”

– Infine, il presidente Trump ha fatto un appello all’unità quando ha detto: “Non conta il colore della pelle, il sangue versato da tutti i patrioti americani è rosso. Aprite il cuore al patriottismo. Noi siamo protetti, dagli uomini del nostro esercito e da Dio”.

“Insieme renderemo l’America di nuovo forte. Di nuovo sicura. Di nuovo orgogliosa. Di nuovo grande. Grazie, Dio benedica l’America”

Nelle stesse ore della cerimonia, si stanno svolgendo a Washington delle proteste per contestare le politiche del presidente eletto su diritti, immigrazione e donne. Alcuni manifestanti si sono scontrati con la polizia.

Qui sotto il video del discorso:


**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**