Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La Corte di Strasburgo riconosce il diritto all’accesso a internet per un detenuto in Lituania

Per la Corte europea dei diritti dell'uomo vietare l'accesso alla rete per i carcerati per scopi relativi all'istruzione limita la libertà di espressione

Immagine di copertina

Una sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che la restrizione dell’accesso a internet disposta nei confronti di un detenuto dalle autorità lituane è contraria alla libertà d’espressione sancita dalla Convezione europea per i diritti dell’uomo.

Al detenuto Henrikas Jankovskis era stato proibito di navigare in rete per iscriversi a un corso di diritto, adducendo come motivazione ragioni di sicurezza.

Ma la corte ha ritenuto che le autorità non avessero fornito ragioni sufficienti alla base del divieto. Ha inoltre sottolineato che i siti che Jankovskis voleva visitare erano finalizzati a migliorare la sua istruzione e che per questo il provvedimento violava l’articolo 10 della convenzione, che sancisce la libertà d’espressione.

La legislazione degli stati europei prevede molte limitazioni all’accesso dei detenuti alla rete o a siti specifici sulla base di ragioni di sicurezza.

Il diritto di accesso a internet è già stato oggetto di sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo. A gennaio 2016, la corte ha statuito che le autorità non possono impedire a una persona di ricevere informazioni, ma che questo non comporta un obbligo generale di garantire l’accesso a internet. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**