Me
Dal 2026 il numero delle squadre che parteciperanno ai mondiali di calcio salirà a 48
Condividi su:

Dal 2026 il numero delle squadre che parteciperanno ai mondiali di calcio salirà a 48

La Fifa ha approvato il progetto del presidente Gianni Infantino per aumentare da 32 a 48 il numero delle nazionali di calcio che parteciperanno alla Coppa del mondo

22 Giu. 2017

La Fifa ha reso noto che espanderà il numero dei partecipanti ai Mondiali di calcio a partire dal 2026. Le squadre che potranno prendere parte alla Coppa del mondo sulla base del piano sostenuto dal presidente Fifa, Gianni Infantino, saranno 48 e non più 32.

Il comitato esecutivo della Fifa riunitosi a Zurigo ha approvato all’unanimità la proposta.

Secondo il nuovo piano, le nazionali saranno divise in 16 gironi da tre partecipanti ciascuno e le partite saranno 80 anziché 64.

Il format non sarà più quello di otto gironi da quattro squadre ciascuno con passaggio agli ottavi delle prime due classificate, ma un nuovo sistema basato su 16 gironi da tre squadre, di cui solo la prima si qualificherebbe.

In questo modo aumenteranno le spese organizzative, dal momento che il numero di partite da disputare salirà da 64 a 80 (per quanto ogni squadra ne giocherebbe una in meno a causa del miglior impegno del girone), ma i ricavi potrebbero sfiorare i 4 miliardi di euro, contro i 3,35 stimati per Russia 2018.

La Uefa chiede che siano 16 le squadre europee a partecipare alla Coppa, che si terrà probabilmente in Nord America, ma l’attribuzione di posti aggiuntivi per le varie federazioni è ancora da stabilire.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus