Me
L’uomo albero ha riacquistato l’uso delle mani dopo una serie di interventi chirurgici
Condividi su:

L’uomo albero ha riacquistato l’uso delle mani dopo una serie di interventi chirurgici

Abul Bajandra soffriva di una rarissima malattia che rendeva i suoi arti simili ai rami di un albero. La chirurgia gli ha consentito di riabbracciare la figlia

22 Giu. 2017

Un uomo del Bangladesh affetto da una malattia che rendeva le sue mani e i suoi piedi simili ai rami di un albero, è stato operato e lascerà presto l’ospedale.

Abul Bajandar soffre di una delle malattie più rare del mondo. È stato sottoposto a 16 operazioni per rimuovere 5 chili di materiale cresciuto sui suoi arti a causa della malattia.

Ha quasi 30 anni e da quando ne aveva dieci soffre di epidermodisplasia verruciforme, un male che rende mani e piedi simili a rami d’albero a causa di verruche che si espandono a dismisura. La malattia è causata da un difetto del sistema immunitario, che aumenta la suscettibilità al virus del papilloma umano.

La situazione di Bajandar è diventata oggetto dell’attenzione dei media lo scorso anno. L’uomo, un ex autista di risciò, è una delle quattro persone al mondo che soffrono di epidermodisplasia verruciforme.

“La cura di Bajandar è una pietra miliare nella storia sella scienza medica”, ha detto Samanta Lal Sen, il chirurgo plastico che ha coordinato le operazioni. “Le mani e i piedi dell’uomo sono ora quasi integralmente a posto, mancano solo un paio di operazioni per delineare la forma delle mani”, ha aggiunto il medico.

Secondo la dottoressa Bajandar potrebbe essere la prima persona a guarire dalla malattia, a condizione che le verruche non si ricrescano.

Lo scorso anno un uomo indonesiano è morto a causa della malattia.

“Non avrei mai pensato di essere in grado di tenere in braccio mia figlia”, ha detto Bajandar dal suo letto d’ospedale, mostrando la mano bendata. “Ora mi sento molto meglio, prendere mia figlia e giocare con lei. Non vedo l’ora di tornare a casa”.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus