Me

Almeno 50 morti per le piogge torrenziali in Congo

L'alluvione ha fatto straripare il fiume Kalamu che attraversa la città di Boma. Migliaia gli sfollati e oltre un metro di fango in alcune aree della città

Immagine di copertina

Nella notte compresa tra lunedì 26 e martedì 27 dicembre, forti piogge torrenziali hanno colpito il sudovest della Repubblica Democratica del Congo, provocando almeno 50 morti e migliaia di sfollati.

Il fiume Kalamu che attraversa la città di Boma si è ingrossato dopo le abbondanti precipitazioni, rompendo gli argini e trascinando alcuni corpi fino alla vicina città di Angola, come ha spiegato all’agenzia di stampa francese Afp Jacques Mbadu, governatore della provincia del Congo centrale.

I residenti hanno dichiarato che alcune aree della città sono sepolte da circa un metro di fango e l’acqua ha raggiunto due metri al di sopra del livello normale. 

Il governatore ha spiegato che “Questo è un fenomeno ciclico che si verifica ogni 10 anni. L’ultima alluvione è avvenuta a gennaio del 2015, ma i cambiamenti climatici stanno moltiplicando questi eventi”. 

Il cambiamento climatico che sta interessando anche l’Africa dovrebbe aumentare il rischio di inondazioni, siccità e tempeste.