Me
La scena di stupro che ha messo sotto accusa Marlon Brando e Bernardo Bertolucci
Condividi su:

La scena di stupro che ha messo sotto accusa Marlon Brando e Bernardo Bertolucci

Dopo 44 anni, il film Ultimo tango a Parigi crea ancora polemiche, relative alla non consensualità in una scena di sesso dell'attrice protagonista Maria Schneider

29 Ago. 2017

Negli ultimi giorni sono state molte le polemiche sul regista italiano Bernardo Bertolucci, che ha ricevuto diversi
attacchi in rete da parte di volti noti del cinema, così come da giornalisti e
persone comuni, riguardo a un presunto caso di sessismo (da alcuni definito
senza mezzi termini “stupro”) risalente a quarant’anni fa.

Per fare chiarezza su
questo episodio e sullo scandalo che ne è scaturito, abbiamo ricostruito la
vicenda nella sua interezza:

I protagonisti

Bernardo Bertolucci è un regista italiano nato a Parma nel
1941. Emerso negli anni Sessanta come allievo di
Pier Paolo Pasolini, Bertolucci ha firmato film come Novecento
(1976), con Robert De Niro e Gérard Depardieu, The dreamers (2003), sulle
contestazioni parigine del Sessantotto, e L’ultimo imperatore (1987), che nel
raccontare la storia di Aisin Gioro Pu Yi, ultimo regnante prima della
rivoluzione maoista, si è aggiudicato nove premi Oscar.

Bertolucci è noto soprattutto per Ultimo
tango a Parigi
, un film drammatico del 1972 a sfondo erotico che causò uno scandalo senza
precedenti.

Marlon Brando è un attore statunitense nato nel 1924 e morto
nel 2004. È
considerato uno dei più grandi attori americani, e noto a partire dagli anni Cinquanta con film come Fronte del porto, che gli valse il primo Oscar come miglior
attore protagonista, Un tram che si chiama desiderio
e Il selvaggio.

Nei primi anni
Settanta ebbe un grandissimo ritorno di fama grazie alla sua partecipazione nel Padrino di Francis Ford
Coppola e in Ultimo tango a Parigi.

Maria Schneider è un’attrice francese nata nel 1952 e morta
nel 2011, a 58 anni. Raggiunse diciannovenne la celebrità internazionale, quando, da pressoché sconosciuta, fu scelta come coprotagonista di Ultimo tango a Parigi accanto al già notissimo Brando.

L’attrice
lavorerà in seguito anche con Michelangelo Antonioni, in Professione: Reporter, al fianco di Jack Nicholson, e continuerà a
recitare fino alla fine degli anni Duemila, senza raggiungere il
successo di fama del suo primo film da protagonista, che in diverse occasioni
ha dichiarato di odiare a causa dell’immagine di giovane disinibita che diede
di lei.

Ultimo tango a Parigi

Nel 1971 Bernardo Bertolucci era un regista quarantenne in
attività da dieci anni, reduce dal suo primo vero successo internazionale, Il
conformista
, che era stato accolto con entusiasmo soprattutto negli
Stati Uniti. Bertolucci era noto per le tematiche delle sue pellicole, spesso a sfondo sessuale, psicanalitico,
morboso e provocatorio.

Il titolo del suo nuovo film era Ultimo
tango a Parigi
, e la trama riguardava un appartamento sfitto a Parigi, dove un vedovo
quasi cinquantenne (Brando) e una donna diciannovenne (Schneider) si
incontravano per caso e senza neanche rivelarsi i propri
nomi iniziavano una storia di sesso, che li portava a perdersi nel lato più morboso
e estremo di se stessi.

Questo il trailer del film:

Il film fu accolto da uno scandalo senza precedenti, in
Italia e all’estero, ma da altrettanto successo di pubblico, che lo rese uno
dei film più visti dell’anno.

Anche la critica, seppur divisa, fu generalmente
favorevole, plaudendo l’eleganza della messa in scena, la prova degli attori,
le musiche di Gato Barbieri e il senso incombente di dramma e perdizione
presente in quella relazione priva di romanticismo.

Non furono così clementi le autorità italiane, che
condannarono il film, per offesa al comune senso del
pudore, a causa delle molte scene a sfondo sessuale e dei dialoghi considerati
offensivi della morale. Allo stesso Bertolucci, come autore del film, furono revocati i diritti politici per cinque anni.

In particolare fece molto scalpore una scena, diventata la
più nota del film e citata innumerevoli volte negli anni seguenti. Si tratta della sequenza in cui Paul, il personaggio interpretato da
Marlon Brando, usa del burro come lubrificante prima di avere un rapporto anale
non consenziente con Schneider, che fu costretta a ripetere frasi contro la
sacralità della famiglia mentre è costretta a terra dal partner.

Questa la scena (attenzione, contenuti forti):

L’intervista di Maria Schneider

Nel 2007, durante un’intervista al quotidiano britannico
Daily Mail, Maria Schneider fece alcune dichiarazioni in merito al film. Secondo l’attrice, Bertolucci sarebbe “un regista sopravvalutato”, e lo definì “grasso,
sudato e manipolatore”, facendo presente di essersi sentita “un po’ violentata” durante le riprese della scena del burro.

“Quella scena non era nella sceneggiatura originale. La
verità è che fu a Marlon che venne l’idea”, dichiarò l’attrice in quell’occasione. “Me ne parlarono solo poco prima di girarla, e io ero davvero arrabbiata
per questo. Avrei dovuto chiamare il mio agente o il mio avvocato, perché non
si può costringere qualcuno a fare qualcosa che non è nel copione, ma a quel
tempo non lo sapevo. Marlon mi disse: ‘Maria, non ti preoccupare, è solo un
film’, ma durante la scena, anche se ciò che Marlon stava facendo non era vero,
io piansi lacrime vere”.

“Mi sono sentita umiliata e a essere onesti un po’
violentata, da Marlon e da Bertolucci”, ha continuato l’attrice. “Dopo la scena, Marlon né mi
consolò né mi chiese scusa. Fortunatamente, fu girata in un solo ciak”.

Molti all’epoca credettero che le scene di sesso tra Brando
e Schneider fossero reali, ma in quella stessa intervista l’attrice lo ha
negato: “Niente affatto. Non c’era attrazione tra noi. Per me, era più
simile a una figura paterna. Rimanemmo amici fino alla fine, anche se per un po’
non riuscimmo a parlare del film”.

Schneider confessò che la fama derivata del
film, e il fatto che la gente la associasse a quel personaggio così disinibito,
la portò ad avvicinarsi alle droghe, a un tentativo di suicidio e a un
esaurimento nervoso.

Le dichiarazioni di Bertolucci

Nel febbraio 2013, Bernardo Bertolucci era ospite presso il
programma televisivo olandese College Tour, durante il quale parlò del film e
in particolare della famosa scena del burro, ormai a due anni di distanza dalla
morte di Schneider.

“Povera Maria, è
morta due anni fa e io sono stato incredibilmente triste perché dopo l’uscita
del film non ci siamo più visti, mi odiava”, aveva dichiarato il regista italiano. “La ‘scena del burro’ nacque
da un’idea che io ebbi insieme a Marlon la mattina stessa prima di girarla.
Nella sceneggiatura c’era scritto che lui avrebbe dovuto stuprarla, in un certo
senso, e mentre facevamo colazione vedemmo una baguette e del burro, e senza
dire nulla ci guardammo e capimmo cosa volevamo.

“Ma in un certo senso io mi
sono comportato in modo orribile con Maria, perché non le dissi cosa sarebbe
successo, visto che volevo la sua reazione come ragazza e non come attrice”, ha confessato nell’intervista Bertolucci. “Volevo
che sembrasse umiliata, e credo che per questo odiò me e Marlon, perché non le
dicemmo del dettaglio del burro usato come lubrificante. Mi sento ancora molto
in colpa per questo”.

Bertolucci rispose: “No. Mi
sento in colpa ma non me ne pento. Per fare un film, a volte è necessario
essere completamente liberi per ottenere qualcosa, credo”, rispose il regista, alla domanda dell’intervistatore olandese sul suo essersi pentito di aver girato quella scena in quel modo. “Non volevo che Maria
recitasse la sua umiliazione e la sua rabbia, volevo che le provasse. E per
questo mi ha odiato per tutta la vita”.

Questa l’intervista televisiva:

Lo scandalo tre anni dopo

Il 23 novembre 2016 El Mundo de Alycia, il sito di un’associazione no profit spagnola, ha
pubblicato in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne un articolo corredato dal video sottotitolato in spagnolo dell’intervista
di Bertolucci (già reperibile su YouTube dal 2013), accusando il regista e
denunciando la sua ammissione di colpevolezza.

Nei giorni successivi, alcune testate statunitensi hanno
ripreso la notizia e il video, che a differenza della sua prima apparizione del
2013 ha questa volta avuto una grandissima eco, con diversi giornali e celebrità
hollywoodiane che si sono scagliate contro Brando e Bertolucci.

“Non guarderò più questo film,
Bertolucci o Brando allo stesso modo”, ha per esempio dichiarato su Twitter Chris Evans, interprete di Capitan America nei film Marvel. “Tutto questo è oltre il disgustoso. Mi
sento infuriato”.

“A tutte
le persone che amano questo film: state guardando una 19enne stuprata da u uomo
di 48 anni”, ha commentato con un tweet Jessica Chastain, vista in Interstellar o The Tree of Life. “Il regista aveva pianificato la violenza. Che schifo”.

Lunedì 5 dicembre 2016 Bertolucci ha reagito all’ondata di
recenti accuse con una dichiarazione, che riportiamo:

“Vorrei, per l’ultima volta, chiarire un ridicolo equivoco
che continua a riportare Ultimo tango a Parigi sui giornali di tutto il
mondo. Qualche anno fa, alla Cinematèque Française, qualcuno mi ha chiesto
dettagli sulla famosa ‘scena del burro’. Io ho precisato, ma forse non sono
stato chiaro, di avere deciso insieme a Marlon Brando di non informare Maria
che avremmo usato del burro. Volevamo la sua reazione spontanea a quell’uso
improprio. L’equivoco nasce qui. Qualcuno ha pensato, e pensa, che Maria non
fosse stata informata della violenza su di lei. Falso! Maria sapeva tutto
perché aveva letto la sceneggiatura, dove era tutto descritto. L’unica novità
era l’idea del burro. È quello che, come ho saputo molti anni dopo, offese
Maria, non la violenza che subisce nella scena e che era prevista nella
sceneggiatura del film. È consolante e desolante che qualcuno sia ancora così
naïf da credere che al cinema accada per davvero quello che si vede sullo
schermo. Quelli che non sanno che al cinema il sesso viene (quasi) sempre
simulato, probabilmente, ogni volta che John Wayne spara a un suo nemico,
credono che quello muoia per davvero”.

Oggi 7 dicembre anche Vittorio Storaro, direttore della
fotografia del film e più volte collaboratore di Bertolucci, ha sostenuto la
versione del regista in un’intervista all’Hollywood Reporter:

“Si tratta di una
faccenda messa in piedi da alcuni giornalisti ignoranti”, ha dichiarato Storaro in un’intervista all’Hollywood Reporter. “Sono stato davvero
disgustato da quanto è stato scritto, perché è tutto falso. Io ero lì, stavamo girando
un film, non qualcosa di reale. Ero lì con due macchine da presa e non è successo
niente, nessuno è stato stuprato davvero. È possibile che Bertolucci non
abbia menzionato un dettaglio a Maria, ma lei sapeva benissimo cosa stava
facendo”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus