Me

Le foto di Vivian Maier in mostra a Roma

Alcune delle immagini della famosa bambinaia che si dilettava nella street photography saranno esposte alla ILEX Gallery di Roma

Immagine di copertina

Vivian Maier, diventata un cult solo di recente, non è stata una fotografa come tanti. Pioniera della street photography, Vivian Maier scelse di non mostrare mai le sue foto a nessuno. Sviluppò pochissimi rullini in vita, che rimasero ignoti al mondo per molto tempo. Solo nel 2007, due anni prima della sua morte, un ragazzo di nome John Maloof, appassionato di collezionismo, acquistò delle vecchie casse di rullini ad un’asta.

Fu proprio lui ad accorgersi del suo incredibile talento e a raccontare la sua storia al mondo, rendendo pubblico il suo lavoro. 

La magica scoperta di Maloof è oggi un bellissimo documentario intitolato Finding Vivian Maier, che racconta di come il ragazzo sia riuscito a ritrovare tutti i restanti rullini della collezione, a risalire all’identità di questa strana bambinaia e a diventarne l’unico erede. 

Alcuni dei capolavori di Maier saranno in mostra a Roma per la prima volta. Lei, che non si separava mai dalla sua Rolleiflex e che amava fotografare la vita quotidiana di Chicago in tutto il suo splendore.

L’esposizione, chiamata “Where the Stretts Have No Name”, come la canzone della band U2, si trova alla ILEX Gallery di Roma in Via San Lorenzo da Brindisi 10b (zona Garbatella) e sarà aperta al pubblico fino al 5 gennaio 2017. 

(Qui sotto il trailer del documentario “Finding Vivian Maier”)