Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Attentato contro una caserma a Bologna

Un ordigno è esploso in una caserma dei carabinieri senza fare vittime. Oggi il presidente del consiglio Matteo Renzi si trova nel capoluogo

Immagine di copertina

Un ordigno è esploso nella notte tra il 26 e il 27 di novembre all’ingresso di una caserma dei carabinieri nella zona di Corticella, alla periferia di Bologna, senza uccidere o ferire nessuno. Secondo i media si è trattato di un ordigno artigianale composto da due taniche di benzina e una miccia, fatto che lascerebbe pensare alla pista anarchica.

Nell’esplosione, avvenuta intorno alle tre di notte, è stata divelta la porta e sono andati in frantumi i vetri dell’ingresso e delle finestre al pian terreno. Il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti – che è di Bologna – si è recato sul posto definendo l’attentato un gesto vigliacco. Anche il sindaco del capoluogo emiliano, Virginio Merola, ha condannato il gesto.

Non è chiaro se ci siano legami col fatto che il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, si trova il 27 novembre a Bologna per un evento elettorale in vista del referendum costituzionale del 4 dicembre.