Me

Cosa è successo il 21 novembre nel mondo

Un riassunto semplice e chiaro di quello che è successo oggi nel mondo

Immagine di copertina

Afghanistan: un attentatore suicida si è fatto esplodere in una moschea sciita a Kabul, capitale afghana, provocando più di 30 morti e 35 feriti. L’attacco è avvenuto nella moschea Baqir ul Olum, poco prima della preghiera ed è stato rivendicato dall’Isis. Si tratta del terzo attentato in tre mesi che prende di mira la comunità sciita nel paese.

Francia: dopo la sconfitta al primo turno delle primarie del centrodestra, l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy ha annunciato il suo ritiro dalla politica. Al ballottaggio si affronteranno l’ex premier François Fillon, che ha ottenuto il 44,1 per cento dei voti e Alain Juppé, ex ministro dell’Economia, con il 28,6 per cento.

Germania: a una riunione della Cdu, l’Unione Cristiano-Democratica, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha annunciato ufficialmente ieri che correrà per il quarto mandato. Merkel, in carica dal 2005, ha detto di aspettarsi la sua più dura campagna elettorale. Le elezioni generali in Germania sono previste per il prossimo anno. Nonostante la popolarità della Merkel sia scesa nei sondaggi, la cancelliera gode comunque di ampio sostegno popolare.

India: il bilancio delle vittime del disastro ferroviario nello stato dell’Uttar Pradesh sale a 146 morti e oltre 200 feriti. Il deragliamento avvenuto domenica 20 novembre 2016 è l’incidente ferroviario più grave in India dal 2010, e ha ridestato preoccupazione per i bassissimi standard di sicurezza dei trasporti nel paese.

Russia: Mosca schiererà missili di difesa terra-aria S-400 e Iskander a Kaliningrad, tra Polonia e Lituania, secondo quanto riferito da un parlamentare vicino al Cremlino. In precedenza la Russia ha detto di inviare periodicamente missili balistici nell’exclave per esercitazioni di routine. Ma ora emerge un collegamento con il rafforzamento militare della Nato ai confini occidentali del paese. Per alcuni analisti l’elezione di Trump negli Usa ha incoraggiato Mosca ad aumentare la presenza di schieramenti militari al confine con i paesi dell’est Europa.

Italia: ciascun prete cattolico potrà continuare ad assolvere l’aborto anche dopo la fine del Giubileo, che si è concluso ieri. Nella lettera apostolica Misericordia et misera il papa estende a tempo indeterminato la facoltà concessa ai sacerdoti in occasione dell’Anno santo, prima riservata ai vescovi e ai confessori speciali. Francesco annuncia anche che continueranno a essere riconosciute come valide le assoluzioni impartite dai preti lefebvriani e che sarà istituita una Giornata mondiale dei poveri.

Regno Unito: intervenendo a una riunione dei vertici dell’industria britannica, il primo ministro Theresa May ha promesso che il Regno Unito non cadrà in uno “strapiombo” a causa dell’incertezza sui negoziati per la Brexit. May ha detto di comprendere le preoccupazioni degli imprenditori e ha lasciato intendere che lavorerà per un accordo di transizione con l’Unione europea che permetta di instaurare nuove relazioni commerciali al termine dei due anni di negoziati.

Francia: sette persone sono state arrestate in un’operazione antiterrorismo condotta domenica dalla polizia francese tra Marsiglia e Strasburgo. I presunti terroristi sono alcuni francesi e altri di origine marocchina e afghana con un’età compresa tra i 29 e i 37 anni. Stavano aspettando una fornitura d’armi in vista di un attacco imminente, probabilmente contro un mercatino di Natale.

Brasileun elicottero della polizia impegnato in un’operazione militare si è schiantato al suolo a Rio de Janeiro, mentre gli abitanti di una favela sostengono che almeno 12 persone sarebbero state uccise dalle forze dell’ordine in esecuzioni sommarie. I peggiori scontri si sono verificati domenica nella favela Cidade de Deus (Città di Dio), dove gang criminali e polizia hanno scambiato colpi d’arma da fuoco per tutta la giornata fino a tarda notte.