Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

I preti cattolici potranno continuare ad assolvere l’aborto dopo la fine del Giubileo

Nella lettera apostolica Misericordia et misera papa Francesco estende a tempo indeterminato la facoltà concessa ai sacerdoti in occasione dell'Anno santo

Immagine di copertina

Tutti i preti cattolici potranno continuare ad assolvere l’aborto anche dopo la fine del Giubileo della misericordia. La decisione è stata annunciata da papa Francesco lunedì 21 novembre 2016 nella lettera apostolica “Misericordia et misera” con la quale il pontefice ha reso definitivi i poteri concessi temporaneamente ai sacerdoti in occasione del Giubileo straordinario e precedentemente riservati ai vescovi o ai confessori speciali.

La lettera del papa annuncia anche che continueranno a essere riconosciute come valide e lecite le assoluzioni impartite dai preti lefebvriani e che sarà istituita una Giornata mondiale dei poveri.

“Vorrei ribadire con tutte le mie forze che l’aborto è un grave peccato”, si legge nel testo, “perché pone fine a una vita innocente. Con altrettanta forza, tuttavia, posso e devo affermare che non esiste alcun peccato che la misericordia di Dio non possa raggiungere e distruggere quando trova un cuore pentito che chiede di riconciliarsi con il Padre”.

L’Anno santo ha avuto inizio l’8 dicembre 2015 e si è concluso il 20 novembre 2016 con la chiusura della Porta Sacra di San Pietro da parte del pontefice e la lettera rappresenta una prosecuzione dello spirito di inclusione nella chiesa con cui papa Francesco ha condotto il suo papato.

Secondo la dottrina cattolica, l’aborto è un peccato e coloro che lo praticano sono automaticamente scomunicati dalla chiesa fino all’eventuale assoluzione in confessione.