Me

La Russia abbandona il processo di adesione al Tribunale penale internazionale

Il presidente Putin ha dato ordine esecutivo di ritirare la sottoscrizione dello Statuto di Roma, firmato nel 2000 e mai ratificato

Immagine di copertina

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un ordine esecutivo che ritira la sottoscrizione della Russia allo Statuto di Roma (1998), il trattato istitutivo del Tribunale penale internazionale (Icc).

Pur avendo firmato il trattato nel 2000, Mosca non lo ha mai ratificato e pertanto non è mai stata soggetta alla giurisdizione della corte.

La Russia ritiene che l’Icc sia un’istituzione non obiettiva e parziale. In più occasioni la corte ha lanciato accuse non gradite a Mosca, per il coinvolgimento nella guerra in Georgia nel 2008 e per l’annessione della Crimea nel 2014.

Inoltre, la Russia è stata aspramente criticata per via del suo coinvolgimento nel conflitto civile siriano.

Ma secondo Mosca l’Icc non è un organo indipendente e pertanto non può rivendicare alcuna autorità in materia di giustizia internazionale.