Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

L’Election day negli Stati Uniti – la diretta

Tutti gli aggiornamenti in tempo reale di quello che succede negli Stati Uniti, dove i 50 stati federati sono chiamati a eleggere il loro 45esimo presidente

Immagine di copertina

— L’AGGIORNAMENTO DI QUESTA PAGINA È TERMINATO, LA DIRETTA PROSEGUE QUI.

Si svolgono oggi, 8 novembre, le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d’America. I cittadini statunitensi saranno chiamati a eleggere il loro 45esimo presidente. Non si tratta di un’elezione diretta. I cittadini votano infatti, tramite una lista collegata a un candidato presidente, per eleggere i Grandi Elettori che formano lo United States Electoral College. Saranno i Grandi Elettori, infine, a esprimere il proprio voto per uno dei candidati presidenziali, stabilendo chi sarà il presidente degli Stati Uniti.

Donald Trump e Hillary Clinton sono i candidati dei due partiti maggiori, quello repubblicano e quello democratico. Clinton è in testa nella maggior parte dei sondaggi elettorali

Lo United States Electoral College è formato da 538 elettori e per essere eletti presidenti bisogna conquistare almeno 270 voti, ovvero la maggioranza assoluta. Il candidato che ottiene il maggior numero di voti in uno stato ha diritto a tutti i Grandi Elettori di quello stato. 

Ma non tutti gli stati federati hanno lo stesso peso politico: la California, per esempio, ha una popolazione 10 volte più grande di quella del Connecticut, e per questo il numero dei Grandi Elettori di uno stato è proporzionale alla sua popolazione. 

I seggi si chiuderanno prima negli stati della East cost (i primi saranno Virginia, Georgia Vermont, South Carolina, Kentucky e Indiana alle 7 pm, ovvero l’una di notte del 9 novembre ora italiana). Seguiranno Ohio, North Carolina, West Virginia, Florida e New Hampshire. A seguire tutti gli altri. Gli ultimi a chiudere i seggi saranno California, Hawaii, Idaho, Oregon, Washington e infine Alaska. 

Tutti gli aggiornamenti in tempo reale: 

8 novembre 2016

– La candidata democratica Hillary Clinton e il marito Bill si sono recati alle urne nella prima mattinata. Hanno votato nella scuola elementare Douglas Grafflin di Chappaqua, nello stato di New York.

– A Dixville Notch, un piccolo centro nel New Hampshire a metà strada tra il Maine e il confine canadese, Hillary Clinton ha già vinto. Il paese è infatti autorizzato con una legge speciale ad aprile le urne in anticipo e precisamente alla mezzanotte, ora locale. I cittadini votanti sono stati soltanto otto: quattro voti per Hillary Clinton, due per Donald Trump, uno per l’outsider Gary Johnson, il candidato del Partito Libertariano, e un voto a sorpresa per il repubblicano Mitt Romney, sconfitto da Obama alle elezioni del 2012.

– Sempre nel New Hampshire, altri due comuni autorizzati alle votazioni anticipate hanno concluso le operazioni di voto. A Millsfield si è registrata una vittoria per Trump, che ha ottenuto 16 voti in suo favore contro i quattro di Clinton. Qui un elettore ha scritto il nome di Bernie Sanders, risultato sconfitto alle primarie democratiche. A Hart’s Location, Clinton ha invece superato Trump con 17 voti contro 14; Johnson ha ottenuto tre voti e Sanders altri due. Complessivamente, tra Dixville Notch, Millsfield e Hart, Trump risulta in vantaggio di sette voti su Clinton (32 contro 25).

— ALCUNI ARTICOLI DI TPI PER CAPIRE LE ELEZIONI STATUNITENSI: 

Come funzionano le elezioni presidenziali negli Stati Uniti

Sei mappe per spiegare le elezioni presidenziali statunitensi

Quante possibilità hanno Trump e Clinton di vincere

Come funzionano le elezioni statunitensi in un video

Chi si candida presidente oltre Trump e Clinton

Quali stati decideranno le elezioni negli Stati Uniti

Le cifre da sapere per le elezioni americane