Me

Le parole d’Amore

Il fotografo italiano Pietro Baroni, in collaborazione con LUZ, ha ideato un video che mette in luce le espressioni misogine che si rivolgono alle donne quotidianamente

Immagine di copertina

Che c’è per cena!? Per quante di voi questa è una domanda rituale che si ripete ogni sera? E quante di voi non si sono ancora abituate a sentirselo chiedere? E soprattutto, per quale motivo sono sempre le donne a dover preparare la cena, magari dopo una lunga e sfiancante giornata di lavoro?

In una società come quella in cui viviamo – ancora profondamente solcata dalla cultura del patriarcato – frasi di questo genere sono all’ordine del giorno, pronunciate con leggerezza, quasi con innocenza, da chi le ha oramai interiorizzate e da chi addirittura stenta a credere che siano misogine.

Eppure la misoginia esiste, e si manifesta in un linguaggio spesso violento e sessista, che fatichiamo però a riconoscere in quelle locuzioni che ignoriamo essere l’evidenza dello svilimento quotidiano del genere femminile.

Una video-intervista realizzata dal fotografo italiano Pietro Baroni e prodotta dall’agenzia fotografica italiana LUZ illustra alcune fra le numerose espressioni sessiste che molte donne si sentono rivolgere nella vita di tutti i giorni, pronunciate per l’occasione da attori non professionisti e attinte da situazioni realmente vissute: