Me

Ecco cosa rimane dell’asilo bombardato in Siria dove sono morti sei bambini

Colpi di mortaio hanno colpito l'edificio a metà mattinata di domenica, mentre i bambini stavano giocando fuori durante la ricreazione. Almeno 25 i feriti

Immagine di copertina

Nella giornata di domenica 6 novembre, intorno alle 10 del mattino (ora locale), una scuola materna situata nella città siriana di Harasta, non lontana dalla capitale Damasco, è stata centrata da colpi di artiglieria sparati dalle forze governative fedeli al presidente Bashar al-Assad. 

Nell’attacco sono morti sei bambini mentre altri 25 sono rimasti feriti, secondo quanto riferito dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, un gruppo di monitoraggio con sede nel Regno Unito ma che conta una fitta rete di contatti sul campo. 

I bambini si stavano godendo la breve ricreazione all’aperto ed erano impegnati a giocare sugli scivoli e sulle giostre, quando l’edificio è stato colpito dall’artiglieria pesante. Tra le vittime è stato segnalato anche il figlio di un volontario dei White Helmet (Caschi bianchi siriani). 

La città di Harasta, nella regione della Ghuta orientale, è sotto il controllo dei gruppi ribelli. 

Qui alcune immagini che mostrano ciò che rimane dell’edificio bombardato.