Me
Le domande ai colloqui per le più grandi aziende
Condividi su:

Le domande ai colloqui per le più grandi aziende

L'illustratore kazako Leonid Khan ha immaginato quali potrebbero essere le domande fatte dai selezionatori di alcune multinazionali basandosi sulla loro reputazione

05 Feb. 2018

Viviamo in un mondo in cui le multinazionali sono presenti
ovunque, e ognuna di queste enormi compagnie, da Google a Apple, da Ikea a McDonald’s, è conosciuta anche per alcuni stereotipi che la riguardano.

Partendo da questi stereotipi, e dalle caratteristiche anche reali che riguardano questi grandi marchi, l’illustratore del Kazakistan Leonid Khan ha immaginato sul sito Bright Side come potrebbero essere 13 colloqui di lavoro se i metodi utilizzati dai selezionatori fossero adattati alla reputazione dell’azienda.

Ecco così che per sperare di ottenere un posto di lavoro all’Ikea è necessario saper montare da zero la sedia sulla quale ci si siederà durante il colloquio, e alla domanda “Perché dovremmo assumerla?” pronunciata da un selezionatore della L’Oréal, l’ovvia risposta è “Perché io valgo”.

Nella gallery, queste e altre divertenti illustrazioni che raccontano con una battuta l’immagine di un’azienda.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus